Vocabolario Aretino (L)

A B C D E F G I L M N O P Q R S T U V Z

La lingua del 300 -Questa risposta nasce da diversi bischeri di toscani che sul Vernacoliere non fanno che dire male degli aretini.

Una tizia poi ha voluto arrivare fino alla feccia del suo linguaggio dicendo fra l’altro: “sappi che gli arretini stanno a ‘Senesi come iPisani stanno ai Livornesi.

E allora pe’ ristabilire l’ordine di sto’ troiaio che è l’Italia, io ci avrei la soluzione del rebusse: o perché un sì rizza su un bel Granducato di Toscana e tutto i’ resto d’Italia pe’ cazzi sua?
E Arezzo? Arezzo si terrebbe come un feudo” !!

– Chéro Cardineli, Vorrebbi arprendere un discursino che un funì l’ultema volta, perché sarebbi anco un tantino ‘ncazzato de come se vole giuddechere l’aritini.
Qualche ‘gnorantello apre la bocca come aprirebbe el buco del culo; senza documentasse che anche i muscini hano un’ombra.
El nostro parlere scarabocchiere in uso del contado aritino, se un pòco v’aggiornéte su’ libri potarebbe menere el chén per l’aja.

Oppure favve ‘ntrere su’ chépi senza cerveglio che storeci da nomi ‘mportanti hèno bofonchièto a chare lettere che la parlata dialettale de Rezzo e dintorni (che sempre meno purtroppo viene adopréta oggi), è la lingua che parléva nel trecento el popelo d’Itaglia.

Quella ‘ngrippata de TOPA che vòlle rizzere un Granduchéto come ai tempi de CANAPONE un regge mica!
Arezzo doventere un feudo di chi??

Disse bene Dante: “UOMINI SIATE E NON PECORE MATTE”.
Oh Trojai! Denigratori de una città Etrusca.
Fratelli merdaioli toscheni, un sapete, urinali, che Rezzo con i su’ rigagneli d’acqua come l’Arno e il Tevere héno avvercéto i distini d’Itaglia?
Che nasce a Firenze l’Arno?
Simmai da noi parte e a Ponte Vecchio alaga.
Se quei segaiuoli de Romelo e Remo andeveno a lavasse el muso sul Tevere, posseno ringraziere el nostro monte Fumaiolo.
Me sbaglio o anco Michelangelo era néto nei nostri paraggi?

Che forse el Vasari era scudellato a Siena?

Sinnòe voialtri livornesi, mica aéte cunusciuto un tale Guido Monaco, inventore dele note musichèli? Il Piero dela Francesca che forse ‘mparò a fére l’imbianchino a Lucca??

“GENTE, A CUI SI FA NOTTE INNANZI SERA”, avrebbe ditto un certo Francesco Petrarca ‘aritino anco lù) se nel 1.300 fusse isistito el Vernacoliere.

E tanto per armanere in su’ la storia, quell’eretico di Pietro Aritino che dannere fece tutta la Roma papalina.
Forse ch’era nato a Pisa?
Oggi a dir pòco, Rezzo è cunsideréta la prima città ‘Ropea dela lavorazione dell’oro.

Meditate toscheni, meditate, come ardice quelo dela birra.
Sennòe, duralla de testo passo, se doventa vitteme dela più alucinante coglionizzazione méi vista; e tanta gente farebbe bene a bociere de meno e a pensere de più, se un vole un giorno trovasse a fére la pesca del Giunti: “Acqua sino ai coglioni e pesci punti”.
Gosto de Rezzo El Direttore

Dr? Mario Cardinali ha così risposto: “o sennò come disse Pasquale”: o Gosto de Rezzo, come parli male”! Gosto de’ Rezzo

La prima domenneca de settembre Poesia in vernacolo sulla Giostra del Saracino del poeta aretino Tullio Sestini Pubblicata nella rivista“Prospettive nel mondo” di Roma nel 1985 Distribuita dal quartiere di porta S.Spirito alla festa del quartiere nel giugno del 1985.

La prima domenneca de settembre ‘ntu Rezzo, se corre la rinométa “Giostra del Saracino”.
L’aceno dell’uvva ‘ntul l’albero è mezzo E le nane del contado godeno ancora el solarino.
La Beppa de Culcidrone se prepara e se svernazza A nfilere nel catino, le bibite ghiacce, per la “Piazza”.
Intorno in le tre, nel Sagreto del Domo, apparisce Le comparse i cavalieri le déme e tutti i capiteni.
Méi tanta gente s’ardunéta e ‘ngrugnisce Per lunghere l’occhji e fasse posto con le méni, onde premere tù i carabinieri: ‘ntal confusione ammirere del Vescovo la rituele binidizione.

Se snoda doppo el curteo per la scesa, Cesalpino S.Francesco E gionge traverso Guido Monneco e via Roma, ,ntul Corso facendo pòsa e godere un po’ de fresco.
La città ai furistieri un grande spettachelo de folcrore dona.
Sapparte: botte de tamburi, sonéte de trombe nitriti de cavallo Da via Mazzini s’arriva a Borgunto, e qui l’intervallo.
Quande el cannuncino de “Fortezza” dae la cignéta Tutti i saraceni entreno, suddetti, in “Piazza Vasari”.
Dunqua se prepereno per la battaglia così agognéta Perché nissuno vole essere con le lance, alla pari.

I Culcidronesi i Porta del Foro, insomma l’aritini, tanto de S.Spirito e S.Andrea un voglieno essere picini.
Se noteno in “Piazza” i musi più cunusciuti de Rezzo Fasse dal sindeco alle altre ‘llustrissime autorità.
Dreto a testi un manca el Piccoletti, tanto avvezzo A essere el babo de tutto, in queste feste dela città.
Anco el Balestri un se creda che c’è li per zullere, dal primo a l’ultemo armigero deve, murmio controllere.

Con sfavillanti pastrani i “Sbandieratori” irruenti, inventeno giochi da strappere applausi e riconoscimenti.

A chéso se potrebbe rammentere tanti altri aritini Che a la “Giostra” han deto dimolto del loro ardore, come al Monci, non dimentichéto maestro dei tamburini, al Gilardetti che del “Saracino” è stèto grande animatore.

A scivolone nella “Piazza” quande ‘ncumincia la “Giostra”.
Tutti i sguardi sono arvolti al “Buratto re delle indie”.

E tra la follas’intoneno canzoni di casa nostra, mentre i cavalieri a lancia tratta tenteno un punteggio pingue.
Doppo le otto carriere dei nvelli “Donatino”.

I Magistrati Assegneno la vinceta ai più bravi e anco ai fortuneti.

La “Giostra” è finita: scendeno le ombre dela “Pieve” in “Piazza”.
La gente eccitéta e stanca, s’entrufela ‘ntui borghi.
Nel “Rione” vincente, per la gioia, se beve e s’impazza E alla “Chiaveca” come a S. Agustino se noteno l’ingorghi.

Rintrona per tutto un coro “TERRA D’AREZZO UN CANTECO” Del maestro “Pietri”; sperdendosi nell’aure del volgo el sono romanteco.

GOSTO DE REZZO

La pulenda come se mangéva Da.. “ai mi tempi” C’era quela de brice e quela de grinturco.

La pulenda de brice ‘n chésa mia ‘unn s’uséva; eppù, si te l’aéssi a dire, me piacìva poco perché stucchéva.

Quela de grinturco me piaciva de più anco perché se faciva ‘n tanti modi: una “lecca” appena fatta, tagliatela col filo e con sopra un po’ de ‘ntento o de chécio; abrustechéta o cor un gràppelo d’uvva passa per companeteco; fritta a fette o fritta a triciulini chere ancora più bona…

Robba da poviri? Sarrà!

Ma s’aiva du gote bianche, rosse e tonde che parivon du’ mele.

I ragazzi d’oggi, con tutti gli intrugli ch’eno ‘nvento, certe volte me peon tisichi

(el citto de Bista) Mario Scoscini

La su‘ morte La cosa migliore, l’ottimo
La Uno S I numeri degli autobus in città sono al femminile, anche perché l’autobus é la corriera.
Labbrata labbrone Colpo con dato con il dorso della mano, sulle labbra di una persona.
Lacca Cilacca Colpo botta sonora.
Lacchezzàre Pomiciare, piu recentemente, prendere in giro, “o che fé me lacchezzi”? Lusinga.
Làe Là.
Lagnìo Piagnistéo continuo.
Lallerare Spassarsela.
Lallerare spassarsela.
Lasca o lascone Furbone.
Lauro Alloro.
Lellero Morbido, tenero.
Lente Lento.
Lente-lento Non stretto bene “questo nodo è troppo lente”.
Lévo Lavato.
Lèvo Alzato levato.
Libecciata Sonora batosta (“Ha giocato a scopa…ha preso ‘na libecciata!”) dal nome del vento Libeccio che quando soffia forte provoca danni
Lica Chiedere qualcosa in quantità modica “datemene una lica” forse un’accorciamento della voce “mulica” (mollica)
Licite Gabinetto, W.C. ,latrina.
Lignano E’ un monte che fa da naturale stazione meteo ” quande Lignano mette il cappello (nuvole) o aretino prendi l’ombrello”.
Limbuto Imbuto.
Lìmosina Elemosina.
Linghiera Ringhiera.
Linzolo Lenzuolo.
Lisca Un pezzetto di qualcosa.
Listessa La stessa.
Litterina del soldeto Testo Dal settimanale “L’Etruria” 1974

Mia Carulina, arsono oraméi una settiména che m’altrovo quàe ‘ntu Venezia alla caserma “Manin”.

Te dico subbeto che un ce stò pònto vulintieri, fra testi caneli, calle, fiumicini, fiumiciatteli e altri rigagneli d’acqua.
Lo sciacquio me da el nervusismo.
Méno vistito che arsumiglio a uno della “Banda G. Monneco” quande féno el cuncerto in Piazza San Francesco. Pùe è un seggueto de saluto, atenti, riposo è stére de guardia al Cumando de Brighéta: credeme quande dico che dovento matto.
Almeno a chésa mia da “Varacone” scindivo su Rezzo e gionto ‘ntul “Corso” me putivo scrollere i zoccheli sulle lastre, mentre quassùe me tocca imburicchere ‘ntu el vaporetto e se dura dimolto la svaporéta, quando scendo tutti i budegli l’hoe scoccioléti.
Doppo el chépo me frulla come aessi biùto un péio de litri da “Memmo”.

Te penso Carola un futtìo.
Iernotte ho sognèto che t’impivo de beci e nella frinisia t’ho stacco un bocone d’urecchio; te sgoccioleva un baroccio de sangue, cò ditto fra me: portemela in lo spedele.
Me so sveglio ill’istante e niente era vero.
Un tu bécio m’avaribbe ‘ndulcito la gola e sciolto l’umori che me rodeno drento .

Basta con el rammentere teste frinisie e arvinimo a noi.
Hoe acanto lo zaeno con sopra el tù arsumiglio, quande te smircio vò in brodo de giuggiole e per questo te mando a dire che fra una vintina de giorni c’è el giuramento: avaribbi contentezza tù vinissi a trovamme, cusì se starenne ‘nsieme.
Maghéri, murmio, dillo anco ala nepote del “Mulichela”de Misceno te farebbe cumpagnia e nn’aresti paura del treno e delle gallirie.
Eppù un fére la coglionaccia, quande séi ‘ntul convoglio e te scappa la piscia, in fondo al vagone c’è lo stanzino ‘ndove pùi fére el ti porcaccio commedo.

Te spiegarò’naltra volta el giorno priciso del giuramento, ma sei éi voglia de scappére quassùe ‘nte scurdere de portamme ‘na stricéta de prisciutto mezza corona de rocchi e una forma de chécio picurino.

Domenneca doppo la libera uscita so ito in piazza “San Marco” tanto grande e rinométa, pùdoppo me so fatto la futugrafia: ho compro dù mancéte de grinturco per governere i piccioni, che birbaccioni me son saltéti tutti adosso e méno sconcacheto la divisa .
Un tedico com’è funita: basta che tu sappia che so torno subbeto un caserma a sbruschinamme col sapone la muta militere e mettela a sciughere sopra la branda, e io in mutande lì come un coglione.
Sarebbi anco amico d’un caporele ch’è de Rezzo, stà in Fontanella.

L’altro giorno gné dissi se s’andéva in libera ‘scita unsieme; ma lù m’ha ditto “Cue unn’esco perché doppo bisogna pigliére la sbornia, eppù è l’andamento da (gonzo)”.
Alora déto che un sòe un (gonzo) gnò ditto quella sistina del nostro Redi (Bacco in Toscana).

HAN GIUDIZIO E NON SON GONZI QUEI TOSCANI BEVITORI, CHE TRACANNANO GLI UMORI DELLA VAGA DELLA BIONDA, CHE DI GIOIA I CUORI INNONDA MALVAGIA DI MONTEGONZI.

Ora Carola mia, me ne védo in branda, cerco d’abassére le cispe, dormendo in sin quando, doméni mattina me sveglia la sonéta del trombettieri.

Peròe quande subbeto umm’ardormento, penso a te e nel durmiveglia ranfo cusì: -La bocca lée tenera come i cidroni primaticci dell’orto del “Seminario”. -La tù méno è scurrevole come el traffeco in via “San Lurintino”.
-El tù muso è culurito come le matonelle della “Rocasa”.
-I tù béci son dolci e nì li stesso forti come la famosa “acqua de Nannarone di Tregozzano”
-Sé gintile come sono gintili i “Bicchini”del cimitero quande traventeno la terra sulla cassa del morto.
-Sé pricisa com’è priciso il “Polezzi” quande impagina “l’Etruria”.

Unsomma, cara mia, al tù pinsiero gòdo come quande se fa la serenéta a un chémpo de repi nella Valdichéna, tutti in virzichela. … E tanto per armanere nelle frinisia me butto nel lipidinoso adulterino, dicendote per funire: ricevi ‘na bracceta a strizzone secco.

Nòta bene: déto che in la settiména intrante véi a Cortona a prenotére un par de bistecche per la sagra de Mezzagosto, gurda de passere dalle “Cinque Via” e rammentere al “Bartolini” la promessa de lasciamme un buttiglione de vinsanto di quel caratello che sa lù.

Tuo quande attorno Geremia el nepote de Gosto.

Lòcco Allocco, persona goffa.
Lòffia Fuoriuscita di gas dall’intestino.
Lòffio Insulso, floscio.
Logo Luogo.
Lolla Pula del grano.
Lùcciola L’ulcera.
Lùpino Callo che viene sopra le dita dei piedi.
Lùstro Stare lùstro, essere nei guai.
Luta Favilla, scintilla

 

Vocabolario Chianino A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA