Vocabolario Chianino (A)

A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z

A barcollo Riempire un recipiente di generi solidi oltre l’orlo. (Stracolmo)
A covoloni Accovacciato-a
A Morte! (Dal vangelo secondo ‘l poro Cumino) …Iéri per preparammece, aivo arletto quel pezzo de Vangélo du’ o tre vvolte; oggi l’ho amparéto guèsi a mente, sémo arivi a un punto che c’è da stère attenti a chelche se dice: unn’è mica la stòria del Guirrin Mischino! Donqua.

La mattina doppo i capurioni portonno Gesù, in che cundizioni èra ridotto se pòle ‘mmaginére, lo portonno da Pilèto.
Come ve dissi era ‘na specie de Chèpo del Governo; ce l’aiva mando el Re de Roma, anzi de più ancora: L’Imperatore! Pilèto, quando li vidde disse:- Che c’è de nòvo.

Qualche rògna? -Sémo vinuti a chjedere ‘l permesso per ammazzè’ qquest’ arruffapòpelo; se chjèma Gesù; n’avarè sintito parlère anco te. – E ch’ha fatto de mèle? – Si ‘nn’aiva fatto gnente, un te se portèva.

C’ha fatto?

Ha fatto ch’ha porto lo scumpiglio dapertutto.
Dice che’n bisogna paghè’ lle tasse a l’Imperatore, dice che lu’ è ‘l Missia, él Re dì Giudéi…-.

-Impostori! L’importèva, parecchio de l’Imperatore!
De le tasse pùe!..
A Pilèto ‘nvece l’importèva, e parecchio, quel’altra facenda: “Re dì Giudéi?” – Pensò – Un sarà mica uno che vòl fé’ lla rivuluzione?”.

– E’ ‘l vero che sé’ ‘l Re dì Giudéi?- domandò a Gesù.
-Certo che so’ ‘l Re dì Giudéi- li rispose Gesù; ma stète tranquilli che ‘n ve rubbo ‘l posto: él mi regno unn’è de questo mondo-.
Pilèto tirò un suspiro e pensò: “Sta a vedé’ cche questo qui è’ l re de la luna!”.
-Sintite- disse Pilèto ai capurioni e a tutta la gente ch’éra ‘n piazza -, per me unn’ha fatto gnente de mèle. Lo mandarò dal Re Eròde a vedé’ cche ne pensa lllu’-.
Ma anco lu’ un ce trovò gnente da dire.

Quande sintì la facenda del “Regno dì céli”, se miss’ a ridere e, per piglière ‘n giro Gesù, li fece mettere adosso un vistito rosso e l’armandò da Piléto.
“Mìo, è attorno!” –disse Pilèto.
– Ma se pòl sapere che volete – diss’ a la gente.
– A vedé’ ssi ve sta béne: m’è vinuto un’idéa.
Ve faccio scegliere: volete che mandi libero Gesù o Barabba? – Pensèva: “Vedarè che Barabba un lo vorrèn liberère: è ‘l più dilinquente che ce sia al mondo”.

Oh, i capurioni misson su la folla e la cunvinséno a gridère: “Evviva Barabba, a morte Gesù! Mettetelo ‘n croce!”.
A questo puno Pilèto un sapiva più che pesci pigliére.
Tanto più che la su’ donna li disse: “un te ‘mpiccère de quest’òmo; stanotte l’ho sognèto: porta mèle”.
Per tenesse bòna la folla, Pilèto disse:-
Alora ascoltèteme béne: per me è ‘nnocente; ma se farà cusì: lo faccio bastonère e l’armando via-.
E che giustizia sarebbe?
Oh, e lo fece deperdavero.
Chjamò le su guardje che fècion peggio de quelle dì capurioni: lo portonno djétro chèsa, lo spoglionno, lo legonno a ‘na colonna e lo bastononno a bòno.

Doppo per canzonallo, lo vistinno da re, ma re da carnevèle: li misseno anco loro una tonneca rossa, li pigionno ‘n chèpo una corona de spini che li féceno spiciolère ‘l sangue per tutto ‘l viso, e li mìsseno ‘n mano una canna al posto de lo scettro da re.
Eppù se l’inginocchjeveno davanti, li sputèveno adosso, gridèveno “Evva ‘l Re”!.
E giù a ridere: parivon brièchi.
Quande l’ebbon concio da fè ppìetà, l’apportonno a Pilèto che lo fece vedere a la folla: – ecco ‘l vostro re! -.
Una scena da fè ppiegnere i sassi.
Massì, èron doventi matti, bestje…
“A morte! – gridèvon tutti- Mettelo ‘n croce! E’l Re ce s’ha de già; anzi ce s’ha l’imperatore.
Evviva l’imperatore!”.
Bugiardi che ‘nn’ éren ’altro! L’imperatore l’avarebbeno ‘mpicchèto.

A la fine quande s’ aviddeno che Pilèto gumincèva aé paura, i capurioni gioconno l’asso de briscuela; disseno: “E si l’armandi libero, sé’ nimico de l’imperatore”.
Ce mancò pòco ch’a Pilèto un li vinisse mèle; se misse anco a sìderi. Disse fra sé: “Chjssà questi qui che vèn a dilli a l’imperatore.
Va a finì’ cche me fèn perdere ‘l posto”.
“Sintite – diss’ a la folla-, ‘éte a fè ccome ve père: pigliètevelo e vedetevela voaltri; io un centro, me ne lèvo lae mani”!.
Se fece portère una catinella, una mizzina d’acqua e se le lavò deperdavero.
E cusì Pilèto se le lavò, i capurioni se le fregonno da la contentezza e la gente le battette e cuntinuò a gridére “A Morte! A Morte!”.
Pòchi giorni avanti, l’aìvon battute, ma aìvon gridèto “Evviva ‘l Missia!”…….

El citto de Bista

A scusso Bere vino a stomaco vuoto
Abacchito Abbacchiato.
Abadarellasse Ninnolarsi, divagarsi.
Abadère Guardare, prendersi cura.
Abajère Abbaiare.
Abarbère Abarbicare.
Abraccère Abbracciare.
Abrustechère Abbrustolire
Acadere Accadere.
Acapezzère Raccapezzare.
Acasère Accasato (capitato da noi non se n’è più andato) “S’è achèso” Si è sposato
Acciderba Accidenti (esclamazione.)
Acèndere Accendere.
Aciacchère Acciaccare.
Acichìre Accecare.
Acindìno Accendino
Acommedère Accomodare.
Acòrdo Accordo.
Acovelèto Accovacciato
Adaquère Annaffiare.
Addietro Indietro
Adepanère Dipanare.
Adocchière Prender di mira.
Adombrère Scurirsi in volto, guastarsi.
Aere Avere.
Afrettelèto Frettoloso, affrettato.
Afumechèto Affumicato
Agèvele Agevole, mansueto, trattabile.
Agghjetrèto Arretrato
Aggnaspère Annaspare
Agiontè Aggiungere
Agrappelàsse Arrampicarsi
Agrenchère Azzannare arraffare
Agrinselère Aggrinsire, far la pelle d’oca.
Aguluppère Involtare.
Agumitolère Aggomitolare.
Aitère Aiutare. (Participio passato) Aitéto.
Aitère Aiutare “aiteme a dillo” aiutami a dirlo, quando una parola si ha nella punta della lingua e non viene fuori
Aléttasse Ammalarsi allettarsi
Almanco Almeno
Altrovère Artrovère Ritrovare.
Amattupire Impazzire.
Amatupìto Stordito
Amelmère Impantanarsi.
Ammazzère Uccidere.
Ampana Ragazza grassa
Amusìto Tenere il broncio
Anco Anche
Andère Andare.
Angollère n’gollére Ingoiare, sopportare.
Annema Anima.
Ansegnère Insegnare,( anséngo, ansénsi, ansénto.)
Anticchia e n’ ticchia Tacca , Nottola di legno.
Apaligginéto Mezzo addormentato.
Apalpère Palpare.
Aparire Apparire.
Apariscono Non rendono
Apiccère Accendere.
Apitito appetito.
Apochèto Diminuito.
Apontère Appuntare.
Aprodère Accostarsi.
Aquarèllo Vinello leggero in genere più propriamente quello fatto con la vinaccia del vinsanto
Arcattère Raccattare.
Arcordère Ricordare.
Ardire riferire
Aretolo Aratro
Arfruschelère e Fruschelére Rovistare ronzare.
Argirare Rigirare- Rivoltare-Tornare indietro
Arivinguelasse Contorcersi ,divincolarsi.
Arlecchère Rileccare.
Arlievo Vitellino
Arligumère Ruminare, radunare.
Arlumenèta Illuminata.
Armanère Rimanere.
Armenare Riportare
Armesquelère Rimescolare.
Arnire Arvinire Tornare, rivenire (arviengo presente,arnuto part.pas.)
Arnovère Rinnovare.
Arpintisse Ripentirsi.(arpintuto part.pas.)
Arsoprellère Raddoppiare, aumentare.
Arsumiglio Fotografia (fototessera) O che te s’è fatto ‘n’arsumiglio?
Artornare Ritornare
Arvedère Rivedere.
Assuntona Una parola convenzionale per i provinciali: dopo una domenica di struggenti patimenti insieme alle ragazze del paese senza cavarne niente la sera tutti dall’ ASSUNTONA ad Arezzo che era il bordello più infimo (metà anni ’50).
Atègnere Attingere.
Autère Aiutare (autéto part. pas.)
Avedèsse Accorgersi.
Avellare Asfissiare “un puzzo c’avella”
Avézzo Abituato
Avière Cominciare.
Avoro Alloro

 

Vocabolario Aretino  A B C D E F G I L M N O P Q R S T U V Z

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA