19.5 C
Comune di Arezzo
giovedì, Aprile 4, 2024
HomeProvocazioniSanta Pasqua 2024: un richiamo alle sofferenze dei cristiani perseguitati nel mondo

Santa Pasqua 2024: un richiamo alle sofferenze dei cristiani perseguitati nel mondo

Commenti ai fatti
Durante la Santa Pasqua del 2024, un momento di riflessione è dedicato alle sofferenze dei cristiani perseguitati in tutto il mondo, mentre i dati evidenziano un aumento preoccupante di persecuzioni e violenze

-

La Santa Pasqua del 2024 offre un momento di riflessione sulle atrocità subite dai cristiani perseguitati in tutto il mondo.

I dati più recenti, relativi al 2023, rivelano un allarmante aumento: 5 milioni in più rispetto al 2022, portando il totale dei cristiani perseguitati a un impressionante numero di 365 milioni in tutto il mondo.

La Corea del Nord rimane il paese più pericoloso per i cristiani, con una tolleranza zero verso la fede cristiana. La pratica religiosa è praticamente impossibile e può portare alla reclusione nei campi di lavoro forzati o addirittura alla condanna a morte, senza possibilità di quantificare con precisione il numero di vittime a causa della rigida censura del regime comunista.

In Africa, la situazione è drasticamente peggiorata, con il radicalismo islamico che rappresenta una delle principali minacce per i cristiani.
Paesi come Nigeria, Somalia, Uganda, Repubblica Democratica del Congo, Burkina Faso, Repubblica Centrafricana, Camerun e Mozambico sono teatri di persecuzioni sempre più violente, con la Nigeria che detiene il triste record di maggior numero di cristiani uccisi:
su 4998 persone assassinate nel mondo ben 4118 sono morte in Nigeria.

Nel Medio Oriente, la situazione si è ulteriormente complicata dopo l’attacco terroristico del 7 ottobre da parte di Hamas e la reazione di Israele sulla Striscia di Gaza.
I cristiani si trovano ora in una situazione precaria, con disoccupazione diffusa e la necessità di nascondere la propria identità religiosa per evitare persecuzioni da parte di estremisti musulmani e ebrei ultraortodossi.
Tra Cisgiordania e Gerusalemme la disoccupazione é arrivata al 72%.

Infine, un cenno alla tragica situazione dei cristiani armeni del Nagorno Karabakh, costretti a fuggire in Armenia a causa delle persecuzioni da parte del regime dell’Azerbaigian.
Più di 200000 mila profughi fuggiti nell’arco di 48 ore dalla loro terra, perseguitati dal regime dell’ Azerbaigian.
Questi eventi drammatici, spesso ignorati dai media occidentali e persino dal Vaticano, richiedono un’immediata attenzione e solidarietà.

In questa Santa Pasqua del 2024, è fondamentale non dimenticare le sofferenze dei cristiani perseguitati nel mondo e rivolgere loro un pensiero e una preghiera.

4 Commenti

  1. «“Tutti gli assassini erano cristiani […] Il sistema nazista fu la conseguenza di un movimento di idee e seguì una precisa logica; non si sollevò all’improvviso, ma ebbe profonde radici in una tradizione che lo predisse, lo preparò e lo portò a compimento.
    Quella tradizione era inseparabile dal passato dell’Europa cristiana e civilizzata.” …
    Per comprendere gli orrori che i bianchi europei e americani inflissero agli Indiani d’America è necessario esaminare il fulcro del pensiero e della cultura europea – il cristianesimo – e in particolare le sue idee sul sesso, la razza e la violenza.»
    (David E. Stannard «Olocausto americano – La conquista del Nuovo Mondo» Bollati Boringhieri, Torino, 2001, pagg. 264-265).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Roberto Bardelli
Roberto Bardelli
Il mio nome è Roberto Bardelli, Breda per gli amici, nasco sotto il segno dei Pesci il 10 marzo del 1972. Sposato, con un figlio, per vivere gestisco una stazione di servizio in Arezzo. Nel frattempo seguo la mia minuscola etichetta discografica, la SofficiDischi, Sono impegnato in politica da quando avevo quindici anni. Ho fatto il Consigliere di Circoscrizione, la Giotto, fino a quando sono esistite le Circoscrizioni, e tutt'ora sono Consigliere Comunale a Palazzo dei Priori, Arezzo. Una marea di passioni: la musica, la politica, il Saracino e il Quartiere di Porta Sant'Andrea, l'Arezzo Calcio, la lettura e i libri, gli sport motoristici, il rugby, la scherma, la storia classica e moderna, l'arte in tutte le sue forme, visitare musei, la natura, il pane, il tè la carne alla brace, fare l'amore. Cattolico e Cristiano, sono un inguaribile ottimista, per me il bicchiere è sempre mezzo pieno. Ma soprattutto, ricordarsi che c'è sempre una soluzione! Sempre!

Sostieni L'Ortica

Un gesto per coltivare l'informazione libera e di qualità.
Sostenere l'Ortica significa dare valore al giornalismo indipendente, alla ricerca della verità e alla voce della società.
Con una donazione annuale, puoi contribuire concretamente al nostro impegno nel fornire notizie senza condizionamenti.
Ogni piccolo sostegno conta: unisciti a noi nella nostra missione per un'informazione libera e imparziale.
Grazie per il tuo sostegno prezioso.
Dona con Paypal

Dello stesso autore

- Advertisment -