The day after

Il saggio dice: prima di parlare ascolta, poi rifletti ed infine parla!

Agli inizi degli anni Ottanta del secolo scorso fu proposto un film di genere drammatico, fantascienza del 1983, diretto da Nicholas Meyer, con Jason Robards e JoBeth Williams. Durata 135 minuti.
Distribuito da TITANUS.
In tanti, sicuramente, lo ricorderanno il cui titolo The day after, che vuole illustrare con intenti ammonitori le conseguenze di una guerra nucleare.

Ascoltando la dichiarazione rilasciata ai microfoni dei media locali da S. E. Arcivescovo Riccardo Fontana, pensionato dal 20 gennaio 2022, giovedì 15 settembre subito dopo aver annunciato il nome del nuovo pastore che guiderà la Diocesi, le sue parole echeggiano al contenuto della trama del film visto che inequivocabilmente illustrano con intento ammonitorio le conseguenze del nuovo corso.

Abbiamo ascoltato e riascoltato, e non abbiamo trovato, tra le tante che ha detto, una sola parola che ci faccia desistere dalla nostra opinione che poi è quella di una moltitudine.

Certo, come ci ricorda un altro uomo di chiesa di manzoniana memoria, don Abbondio, ‘Il coraggio, uno, se non ce l’ha, mica se lo può dare’, per sottolineare che i social hanno accolto solo una parte infinitesimale del malcontento che ha caratterizzato, come lui stesso ha ricordato, questi quattordici anni di regno.

E non è certo colpa di coloro che documentano, raccolgono e danno voce al disagio che si è manifestato in molteplici forme.

Permetteteci un’ultima chiosa.
“A 75 anni non si cambia moglie ecc, ecc,….” Ebbene, tutti gli altri Vescovi pensionati, che hanno lasciato fisicamente la Diocesi e hanno scelto di vivere altrove ascoltando le sue parole sono degli irresponsabili… .

Bah, non vi è altro da aggiungere se non augurare al nuovo Pastore buon lavoro nella pace sotto la guida della nostra amata Madonnina.

La Vespa
Dotata di due formidabili antenne capta, nel territorio urbico locale, tutto quanto c'è di anomalo e, a suo insindacabile giudizio, usa il velenoso pungiglione per raccontare e denunciare. Mimetica e veloce vola di qua e di là, da un abuso ad uno sperpero; da un incarico in odore di favore ad un finanziamento dato per l'acquisto dei bigodini della nonna.

LASCIA UNA RISPOSTA