Giro del Casentino, 105.ma edizione: definito il percorso

Giro del Casentino 2019

Una corsa antichissima, di grandi tradizioni e prestigio.
Con questa del 2022 in programma domenica 21 agosto saranno 105 le edizioni del Giro del Casentino, la seconda gara più vecchia d’Italia per quelli che una volta erano i dilettanti e ora si chiamano elite e under 23.

Una corsa bella, spettacolare, fra luoghi e panorami stupendi e con un albo d’oro da favola. E’ l’unica in categoria che vanta insieme Bartali, Coppi e aggiungiamoci anche Nencini nominati nell’ordine cronologico in cui hanno conquistato il Casentino.

Gino Bartali vinse nel 1934, Fausto Coppi nel 1939, Gastone Nencini nel 1953.
Tanti altri i nomi di spessore nell’albo d’oro anche se non al livello di due fenomeni come Coppi e Bartali e un campione autentico come Nencini.
Giusto ricordare tuttavia la doppietta di Marco Giovannetti e nel 2022 peraltro ricorrono 40 anni dal primo successo centrato a Poppi, all’ombra del castello dei Conti Guidi.
In questi giorni è stato definito il percorso.

L’edizione numero 105 scatterà alle 13,30 da Corsalone, si svilupperà lungo 171 chilometri, attraversando gran parte della vallata, passando dal centro di Arezzo, poi salendo a Chiusi della Verna, punto chiave della corsa, prima della picchiata su Bibbiena e dell’epilogo a Corsalone, come avviene da alcuni anni per la grande corsa organizzata dall’Uc Aretina con Roberto Severi e Paolo Abetoni in prima fila e l’apporto sostanziale del comune di Chiusi della Verna guidato da Giampaolo Tellini .

Si prevede una numerosa e qualificata partecipazione.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA