Il piacione sempre in prima pagina

Che si tratti di Teletruria o di un quotidiano qualsiasi, la faccia da piacione di Agnelli è sempre bene in vista.

Il politicamente ambizioso sindaco di Castiglion Fiorentino sa come comunicare e come farsi notare, non c’è dubbio.
Stavolta è finito al centro della prima pagina del Corriere di Arezzo, come se l’artefice del ritrovamento delle monete trafugate al museo di Castiglion Fiorentino fosse stato lui; e come se la Polizia Municipale, sotto la guida incomparabile del sindaco, avesse sgominato la Banda della Magliana.

Molto più semplicemente la Polizia Municipale ha catturato due rubagalline incapaci di studiare un piano serio e poi di mantenere un segreto, e lui si è messo al centro delle foto di rito come se invece che delle monete antiche fosse stato ritrovato un quadro da milioni di euro.

Fa di tutto, il nostro eroe, per costruirsi un’immagine spendibile anche fuori dal ristretto mondo del suo paese.
Ce la farà?
Al centrodestra regionale l’ardua sentenza.

la foto è del Corriere di Arezzo

Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA