20.2 C
Comune di Arezzo
lunedì, Giugno 10, 2024
HomeSaluteAlimentazione e pressione arteriosa

Alimentazione e pressione arteriosa

-

La pressione arteriosa e’ la forza con cui il sangue agisce sulle pareti arteriose.
La pressione sistolica (valore massimo) e’ la forza con cui il cuore spinge avanti il sangue nelle arterie.
La pressione diastolica (valore minimo) e’ la resistenza che il sangue incontra nel suo scorrere all’interno delle arterie che riducono il loro diametro.
Ciascuno di noi ha 5 litri di sangue e il battito cardiaco indica il lavoro del cuore come pompa!
Piu’ e’ alto il numero dei battiti e piu’ il cuore Invecchia e degenera.

La pressione arteriosa va misurata tra le 6 e le 9 del mattino, prima della colazione e prima di prendere farmaci.
Non si deve superare 130 mmHg valore massimo e 80 mmHg valore minimo.
Chi e’ in sovrappeso ed obeso tende ad avere la ipertensione arteriosa, valori superiori a 130/80 con battito cardiaco superiore a 80.
La massa adiposa corporea causa ipertensione arteriosa: 1 Kg di grasso contiene circa 3 Km di capillari.
Pertanto una persona con 10 Kg di eccesso di grasso avra’ 30 Km di capillari, rete vascolare, in piu’ dove devono essere spinti i 5 litri del sangue! Battito cardiaco e pressione salgono!

Ridurre la passa grassa, il peso corporeo per far scendere la pressione arteriisa.
Inoltre il grasso produce ormoni che fanno salire la pressione arteriosa. Quando il valore minimo supera 80 mmHg vuol dire che le arterie hanno ridotto il loro diametro per aterosclerosi.
Massima attenzione al valore diastolico (minimo).
E’ bene tenere la circonferenza addominale presa sull’ombelico sotto 98 cm per l’uomo e 88 cm per la donna.
Eseguire ogni giorno esercizi di resistenza per incrementare massa magra muscolare nelle braccia, tronco e addome, gambe ( elastici o pesi o resistenze meccaniche) e attività motoria aerobica basata sulle gambe ( camminare velocemente, bicicletta, corsa, tappeto ruotante, cyclette,step, salire scale…).
Perdere muscolo vuol dire invecchiare!
Sentirsi sempre deboli vuol dire aver perso muscolo!

La prima scelta alimentare contro l’ ipertensione arteriosa e’ la drastica riduzione del sale da cucina e degli alimenti contenenti sodio.
Esso trattiene acqua nelle arterie e nel tessuto connettivo.
Siamo inquinati dal sodio piu’ di quanto si possa pensare.
Il sodio e’ nascosto in molti alimenti per favorire la appetibilità degli alimenti.
Con il passare egli anni si ha una perdita del gusto e si tende ad usare piu’ sale e mangiare sempre piu’ salato!

Il sodio e’ presente negli alimenti di origine animale, e’ scarso negli alimenti vegetali. Almeno 3 volte pesce nella settimana.
Negli alimenti vegetali sono presenti potassio e magnesio, minerali antagonisti del sodio!
La pressione arteriosa alta e’ un killer silenzioso che va combattuto a tavola e con attività motoria giornaliera!

Un consiglio: dotarsi di uno strumento per misurarsi la pressione arteriosa.
Conoscere i valori della propria pressione arteriosa e’ una scelta consapevole di medicina preventiva.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dott. Pierluigi Rossi
Dott. Pierluigi Rossi
Laureato in Medicina Chirurgia è Specialista in Scienza della Alimentazione, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva. E’ stato Primario presso la ASL di Arezzo, Servizio Sanitario della Toscana, per 22 anni, Direttore della U.O. Direzione Sanitaria della stessa ASL, dove ha creato e diretto Ambulatorio di Nutrizione Clinica. Docente dal 1995 al 2009 di Scienza della Alimentazione presso la Università degli Studi di Siena. Docente (a.c.) presso la Università degli Studi di Bologna. E’ autore di un considerevole numero di ricerche scientifiche pubblicate in riviste italiane ed internazionali. Autore di libri. Ha fondato la Scuola di Alimentazione Consapevole, dirige e insegna in Master e Corsi di Nutrizione Clinica a medici, biologi, farmacisti e personale sanitario in molte città italiane e all’estero. Ha elaborato il Metodo Molecolare (Dieta Molecolare) che supera il calcolo giornaliero delle Calorie, considerato un artefatto scientifico perché il corpo umano utilizza per il suo lavoro metabolico solo energia chimica (ATP) e non certo il calore.

Sostieni L'Ortica

Un gesto per coltivare l'informazione libera e di qualità.
Sostenere l'Ortica significa dare valore al giornalismo indipendente, alla ricerca della verità e alla voce della società.
Con una donazione annuale, puoi contribuire concretamente al nostro impegno nel fornire notizie senza condizionamenti.
Ogni piccolo sostegno conta: unisciti a noi nella nostra missione per un'informazione libera e imparziale.
Grazie per il tuo sostegno prezioso.
Dona con Paypal

Dello stesso autore

- Advertisment -