Gli asini della Coingas volano ancora?

Si vorrebbe che la geniale delibera dell’Assemblea della Coingas di promuovere un’azione di nullità e/o annullabilità delle convenzioni a suo tempo stipulate con i professionisti fornitori delle consulenze oggetto delle indagini della Procura della Repubblica di Arezzo, abbia risolto tutti i problemi della societa’ partecipata del Comune di Arezzo ed, a cascata, quelli della maggioranza in Consiglio Comunale, nella quale parrebbe aver riportato un po’ di pace.

(nds.: Consigliere Rossi, non esulti, l’azione di nullità è ben diversa da quelle di responsabilità da Lei invocate !).

Ma se la soluzione era così semplice e se il motivo, in base al quale Coingas ha deciso di “passare all’attacco” è quello riferito dal solito quotidiano locale
(invero, ultimamente un po’ distratto),secondo cui quelle convenzioni erano state stipulate in violazione della legge in materia di appalti pubblici (nello specifico, forniture di servizi)ed era così a portata di mano, non si capisce perché un po’ tutti, tra i quali il Sindaco e l’Assessore al Bilancio, hanno tentato, per la verità, alquanto maldestramente, di nasconderne o, in qualche modo, aggiustarne il contenuto, come emerge dalle numerose e frenetiche conversazioni telefoniche intercorse tra i protagonisti della vicenda, quando essi non sapevano di essere intercettati.

Ed ancora, nella nostra beata ignoranza, non riusciamo a comprendere perché, se quel vizio comportante la nullità era originario ed esisteva fin dall’anno 2017, in cui vennero stipulate le prime consulenze, ci si è affannati così tanto nel voler dimostrare, addirittura con una superconsulenza, la loro utilità per Coingas e per la convitata di pietra Estra, nonché la congruenza degli importi pagati in rapporto alle attività svolte dai professionisti, e, quindi, in buona sostanza, nel voler dimostrare, come ha detto qualcuno dallo scranno più alto di Palazzo Cavallo, che “gli asini volano”, quando, invece, era chiaro che ormai non volavano più.

Articolo correlati:

Le sponsorizzazioni di Coingas e di Estra

Cronaca di una settimana calda dove tra petrolio e gas anche gli asini volano

Etrusco
Aretino doc, la mia grande aspirazione era quella di diventare giornalista ed invece ho fatto per più di 40 anni tutt'altra professione. In gioventù' ho scritto articoli per giornali umoristici universitari del tipo La Bombarda ed Il Pungiglione ed, in seguito, dopo la laurea, sono stato nello staff di televisioni e radio private aretine. Sono da sempre appassionato di sport, che ho praticato sia a livello semiprofessionistico, sia dilettantistico. Sono un innamorato della Giostra del Saracino, nella quale per alcuni anni ho avuto un certo ruolo. A chi mi dice che ho un brutto carattere, perché troppo polemico, rispondo come diceva il Presidente Pertini che " soltanto chi ha carattere, ha un brutto carattere ". Ho fatto tante cose in vita mia e spero che questa non sia l'ultima.=

LASCIA UNA RISPOSTA