Arezzo affonda come il Titanic Leonardo Di Caprio sostitutito dal Gamurrini

In una città orfana in questo periodo di mercatini e ruote, che si presenta assonnata e stanca, con le strade del centro semideserte, i negozi tristi in attesa di clienti che non si vedono, una notizia ha risvegliato l’animo degli aretini: Leonardo Di Caprio è ad Arezzo.

La voce si diffonde come le onde del mare e allagano ogni anfratto comunicativo, tanto che alcuni media le prendono per buone a priori e lanciano la notizia.

Naturalmente gli aretini non sono tutti boccaloni e basta scorrere le pagine di “Sei di Arezzo se” perché diano finalmente il meglio di sé con ironia e senza volgarità.

Luca posta una foto drammatica e veritiera dove il Titanic si incaglia in una delle decine di buche che ornano le strade di Arezzo.
Poi ci sono le segnalazioni: alla botteghina di Granone a mangiare la finocchiona, o sul canale della Chiana per girarci un nuovo Titanic.

Noi stessi abbiamo visto decine di ragazzine aggirarsi in centro che consultavano freneticamente i cellulari come se si trattasse della ricerca dei pokémon.

L’assessore Comanducci, visto il clamore, si informa se la notizia sia vera e nel frattempo prepara un contratto in cui invita Di Caprio ad essere presente nella prossima “rota” del Natale, così il pieno è assicurato.

Il sindaco Ghinelli è disposto ad offrire il timone della città, tanto affonda uguale.

Ma un sobbalzo avviene quando dal comune scendono insieme il vice-sindaco Gamurrini e l’assessora Tanti.

Le decine di fans esclamano: ecco Leonardo Di Caprio con la Kate Winslet.

Ma è una bufala ed alla sera le strade del centro ritornano semideserte, con i negozi che loro sì, sembrano dei titanic in attesa del disastro.

Qualcuno, sbagliando film, esclama: ma dai domani è un altro giorno.

Ora scusate ma devo andare, ho appena sentito la notizia che sta arrivando Rocco Siffredi.

CONDIVIDI
PrecedenteLa saga del Nana
SuccessivoPrima l’Italiano
Luciano Petrai
Di professione “curioso”, ha attraversato negli anni ’80 le speranze ecologiste collaborando attivamente con gli Amici della Terra – Italia. Ha cavalcato le delusioni politiche e sociali attraverso una buona dose di auto-ironia e di sarcasmo. Attualmente fa parte della redazione del periodico “Essere” ed esprime note e lazzi in una frequentata pagina facebook ( che usa soprattutto per cuccare). Ed ora l’esperienza ne “L’ortica” per continuare a pungere divertendosi.

LASCIA UNA RISPOSTA