Il Chico

A Sant’Agostino ha fatto anche la funzione clorofilliana, per ossigenare l’aria durante le riunioni di partito.

Il Chico prima di tutto si legge senz’acca com’il Che, al tempo del quale entrò a Sant’Agostino di sotto, che non è Bergum di suta ‘n do’ sono tutti mangia ostie e ce lo chiusero.
A quel tempo il vento della Rivoluzione d’Ottobre aveva traversato l’Atlantico e, ne le giornate limpide, bastava salire a buggiulucco del Giannotti, per vedere i cavalloni anche da la balaustra del mercato del pesce.
La primavera di Praga fu anche la Primavera del Chico il quale, oramai, di primavere n’ha passate e arpassate dimolte.

Era notte fonda e l’Aurora non s’era ancora afacciata dietro Poti, quando il Chico varcò la fatidica soglia e il sol dell’avvenire spuntò in piazza Sant’Agostino. Ancora un s’è fatto ‘l buio, ma siamo vicino al tramonto.
Da Togliatti a Renzi, dal Tani al Dindalini, il Chico ha a’bracciato tutte le giornate e le stagioni del Pci e, oramai, cià du’ bracci come il Chiavino che, quando faceva il militare e se metteva su l’attenti, le falangi li strusciavano per terra.

S’è fatto la Bolognina, che unn’era manco tanto male, la Quercia, l’Ulivo, la rottamazione e a Sant’Agostino cià messo le radici come l’olivo di Garibaldi sul colle di Santa Maria.
Quando c’era una riunione e non si respirava da quanto gli fumavano in tutt’i sensi, ha fatto anche la funzione clorofilliana per ossigenare l’aria.
E ci credo: Chico qui, Chico là, Chico su, Chico giù, Chico vieni,Chico va tutti c’intingevano come ne la pila dell’acqua santa anche se non avevano mai messo un piede ‘n una chiesa.
A furia di sentisse chiamare il Chico oramai non s’arcorda più manco come si chiama, in compenso è armasto Chico a settant’anni.

Oggi ripensa a l’anni belli di quando c’era il Che, che il comunismo era ‘n orizzonte e il vento dell’est tirava come un pel di effe e si mise i sassi in tasca, perché sennò l’avrebbe portato chissandò.
Altri, per resistere, si riempirono di cariche e di conti in banca. Il Chico no! Lui restò a Sant’Agostino di sotto coi sassi in tasca, sempre fedele a l’amici e all’ideale, a reggere a ogni vento e ogni tempesta.
Mai ci fu una carica, ‘n pubblico impiego per il Chico, che è armasto Chico come la Cinguetti e ha conciliato i sogni e la realtà, il materialismo storico e le Feste de l’Unità, la teoria e la pratica.

Avendo campato di spirito è stato l’antitesi vivente del suo Credo. Oramai regge l’anima coi denti ma è l’unico ch’ha fatto avanzare la tesi della dialettica marxista, che senza di lui sarebbe armasta inchiodata al palo del materialismo.
A Sant’Agostino cià le chiavi come San Pietro e ha fatto ‘gnicosa: dal tipografo in tandem col pittore Franco Onali perché Dio li fa e pu’ l’apaia, al portiere di notte.

Accadde quando, a le passioni politiche, si mischiarono quelle erotiche, col Giannotti in fregola alla base d’un n’triangolo isoscele che non poteva diventare equilatero, essendo l’ultimo lato del Psi.
Quella volta a la Pacini e al Sereni, due veterocomunisti poco aperti a la modernità, gli parve che Sant’Agostino più che una Federazione fosse ‘n casino e, a l’antitesi, gli toccò superare anche questa tesi, neanche fosse del partito dell’amore o n’olgettina.
Per il Chico fu più dura che organizzare ‘na trentina di Feste dell’Unità al Prato e ce potete mettere ‘llesso!

Dal libro: Can de’ svizzeri in uscita18 novembre, presentazione ore 17,30 presso libreria Mondadori ad Arezzo

CONDIVIDI
PrecedenteI veterinari, Arezzo verso la peste Icastica 2017
SuccessivoDall’assessore fucile all’assessore motosega
Giorgio Ciofini
Giorgio Ciofini (Giornalista e Scrittore) Giorgio Ciofini è un giornalista laureato in lettere e filosofia, ha collaborato con Teletruria, la Nazione e il Corriere di Arezzo, è stato direttore della Biblioteca e del Museo dell'Accademia Etrusca di Cortona e della Biblioteca Città di Arezzo. E' stato direttore responsabile di varie riviste con carattere culturale, politico e sportivo. Ha pubblicato il Can da l'Agli e il Can di Betto e in collaborazione con Vittorio Beoni, la Nostra Giostra e il Palio dell'Assunto. Attualmente sta lavorando al can de' Svizzeri, in uscita il 18 Novembre, presentazione ore 17,30 presso libreria Mondadori ad Arezzo.

LASCIA UNA RISPOSTA