Controlli antidroga alla stazione di Arezzo, 9 persone nei pasticci

La Guardia di Finanza di Arezzo, coadiuvata dalle unità cinofile antidroga ed in collaborazione con la polizia ferroviaria, ha segnalato 9 persone, sorprese a trasportare sostanze stupefacenti, presso l’area della stazione ferroviaria.

Allo scopo di controllare i passeggeri in arrivo presso lo scalo ferroviario, sia per il monitoraggio delle persone “sospette”, in transito nelle aree circostanti,  è effettuato uno specifico dispositivo di controllo.

L’attività dei finanzieri e degli agenti di polizia ha portato alla scoperta di vari soggetti (tra cui un minorenne), trovati in possesso di piccole dosi di hashish e marijuana, destinate all’uso personale; circostanza questa che ha comportato la segnalazione al prefetto di Arezzo, per il ricorrere della violazione amministrativa prevista dalla vigente normativa antidroga.

In totale, sono sequestrati circa 15 grammi di “droghe leggere”.

Ai trasgressori, sanzioni che consistono nella sospensione della patente di guida, della licenza di porto d’armi, del passaporto o, per i cittadini extracomunitari, del permesso di soggiorno, per un periodo da due mesi ad anno.

l’operazione condotta si inquadra nel più vasto ambito dell’attività svolta dal corpo per la prevenzione e per la repressione di episodi di spaccio e di traffico di droghe, con l’obiettivo di garantire, unitamente alle altre forze di polizia, coordinate, nella fattispecie, dalla prefettura di Arezzo, un costante presidio nelle aree urbane dove è maggiormente avvertito il rischio per la sicurezza della collettività.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA