18.3 C
Comune di Arezzo
lunedì, Luglio 8, 2024
HomeSportL'Arezzo ha concluso il proprio campionato...

L’Arezzo ha concluso il proprio campionato…

Arezzo: un campionato di alti e bassi, ma l'obiettivo è stato raggiunto. Ora si guarda al futuro con ambizione e determinazione

-

Da qualche mese l’Arezzo è parso essere quello che ci si aspettava fin dall’inizio, ma il suo campionato è stato un continuo alternarsi di prestazioni e risultati che non ha fatto dell’undici di Indiani la mina vagante del girone, come si auspicava la società fin dal precampionato.

Salvo qualche risultato eclatante, come le vittorie di Carrara e Chiavari, o quella interna col Perugia, l’undici amaranto ha spesso sciorinato prestazioni poco più che inguardabili.

Alla fine l’obiettivo minimo, quello di qualificarsi per i Play Off, è stato raggiunto.
Indiani parla di campionato straordinario, ma quel torneo l’ha visto solo lui.
L’Arezzo ha fatto il suo, anche se con l’altalena.

Ha fatto il suo e alla fine forse avrebbe meritato di più, per esempio nella partita di Alessandria, dove la Juve B ha sfruttato al massimo la fortuna che gli è capitata.
Il rigore fischiato a capitan Settembrini era giusto, almeno con le nuove regole, e il VAR ha fatto bene a richiamare l’attenzione dell’arbitro (a proposito, positivo l’operato del Var, per la prima volta in serie C).
Si è trattato però di un fallo da “Cirio Regala”, come recitava una vecchia pubblicità televisiva.

E’ stato più che altro un gesto istintivo, quello che ha portato alla sconfitta gli amaranto e i nostri eroi hanno poi fatto vedere di che pasta sono fatti, mettendo veramente alle corde la Juve nel finale.
Sfortuna ha voluto che l’Arezzo non passasse, così come sfortunato è stato il rigore.
Fatta l’analisi dei 99 minuti di partita si può tranquillamente asserire che ha giocato meglio l’Arezzo, tra l’altro con meno errori del solito nei passaggi e al palleggio in generale.
Ma una buona prestazione, così come accadde col Perugia ad Arezzo, aumenta i rimpianti di un torneo che poteva finire meglio per gli amaranto.

Ora c’è da preparare dirigenza e ragazzi per l’anno prossimo, quando la squadra dovrà essere ambiziosa e lottare per la vetta.

Nella squadra qualcosa da cambiare c’è, ma se fossimo nella società cercheremmo di mantenere buona parte del gruppo attuale, che con qualche miglioria e più costanza può effettivamente non avere paura di nessuna avversaria.

E’ a livello societario che qualche spiffero si avverte.
Sembra che il deus ex machina Manzo voglia rinnovare i quadri.
L’ultima volta che ha posto mano all’organico l’ha fatto bene, quindi non c’è motivo di dubitare delle sue scelte.

Vedremo, intanto Forza Arezzo.

spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Gianni Brunacci
Gianni Brunacci
"Giornalista che non segue il coro, negli ultimi anni anche fotografo, videomaker e documentarista; si diletta scrivendo dell'Arezzo calcio, sua passione da sempre."

Sostieni L'Ortica

Un gesto per coltivare l'informazione libera e di qualità.
Sostenere l'Ortica significa dare valore al giornalismo indipendente, alla ricerca della verità e alla voce della società.
Con una donazione annuale, puoi contribuire concretamente al nostro impegno nel fornire notizie senza condizionamenti.
Ogni piccolo sostegno conta: unisciti a noi nella nostra missione per un'informazione libera e imparziale.
Grazie per il tuo sostegno prezioso.
Dona con Paypal

Dello stesso autore

- Advertisment -