Loro di Arezzo…

La foto è stata scattata all’inaugurazione di Oro Arezzo; in prima fila si fanno notare i “signori” del territorio aretino. Loro di Arezzo. Nessuno è veramente interessato a quello che si dice sul palco di fronte, dove IEG, il nuovo gestore della mostra, informa sui numeri strabilianti della kermesse aretina.

Loro di Arezzo sono nell’ordine:

Stefano Mugnai: Rappresentante di Forza Italia (quel che ne resta) in Toscana è preso dal suo smartphone come un ragazzino di 15 anni (sembra Renzi).

Andrea Sereni: presidente della Camera di Commercio aretina (ancora per poco) che perplesso pensa se riuscirà a rimanere presidente anche quando le organizzazioni di Arezzo e Siena si fonderanno.

Vincenzo Ceccarelli e Lucia de Robertis, rappresentanti della Regione Toscana che guardano altrove sperando di vedere qualcosa di meno palloso.

Roberto Vasai: presidente della Provincia che c’è e non c’è, ha innestato il pilota automatico e guarda senza ascoltare, fingendo di essere sveglio.

Clara Vaccaro: ex subcommissario di Roma Capitale e ora prefetto di Arezzo, che pensa a cosa cucinare per pranzo.

Alessandro Ghinelli: sindaco di Arezzo che prega perché tutto finisca presto (ciha da andare dalla nuova fidanzata)…

Donella Mattesini: parlamentare PD orlandiana che ha imparato a mostrare interesse come se fosse vero, mentre pensa ad altro.

Marco Donati: parlamentare PD renziano, che vive al telefono, sempre e comunque, qualsiasi cosa accada di fronte a lui.

In seconda fila, perché conta meno, si segnala Alessandro Caneschi, capogruppo Pd in Consiglio Comunale e segretario cittadino dello stesso partito, che dorme e sogna dopo aver mangiato troppo ai festeggiamenti post primarie.

Nessuno di loro di Arezzo che sia veramente interessato ai discorsi di IEG…

CONDIVIDI
PrecedenteTeletruria ama il tessile
SuccessivoLa Notte di Latta
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

3 COMMENTI

LASCIA UNA RISPOSTA