Le persone più alte vivono più a lungo

Fonte BBC
Secondo gli scienziati l’enigma del perché gli umani stiano diventando più alti e raggiungano prima la pubertà può essere spiegato da un sensore nel cervello.
Durante il XX secolo, nel Regno Unito l’altezza media è aumentata di 10 cm durante il XX secolo e negli altri paesi fino a 19 centimetri, anche perché ci alimentiamo meglio.
Ma non ne è mai stato capito il perché.
Scoprirlo potrebbe portare a farmaci per migliorare la massa muscolare e curare la crescita ritardata.

Questo nuovo studio, pubblicato su Nature e condotto da ricercatori dell’Università di Cambridge insieme al team della Queen Mary University di Londra, dell’Università di Bristol, dell’Università del Michigan e della Vanderbilt University, ha scoperto il recettore cerebrale alla base di tale processo.
Si chiama MC3R ed è il legame cruciale tra cibo e sviluppo e crescita sessuale.

Il team di ricerca ha trovato una persona che aveva mutazioni in entrambe le copie del gene per MC3R, che è estremamente raro e dannoso. Questa persona era molto bassa e ha iniziato la pubertà dopo i 20 anni.
Ma gli esseri umani non sono soli in questo: i ricercatori hanno studiato i topi per confermare che lo stesso percorso è attivo negli animali.

Le persone più alte generalmente vivono più a lungo e hanno meno probabilità di soffrire di problemi cardiaci e possono anche finire per guadagnare di più.
Ma gli umani non possono continuare a crescere per sempre.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA