Se la Fiera Antiquaria diventa un casino

AREZZO FIERA ANTIQUARIA 1978

Domenica prossima la fiera antiquaria ritornerà nella sua sede naturale di Piazza Grande e del centro storico.
È un segnale importante della ripresa di una normalità che seppur nel rispetto di tutte le regole delle normative anti-covid, indica la voglia di Arezzo di ripartire.

Certo i problemi sono tanti e la voglia da sola non basta. Occorrono provvedimenti seri, iniziative di lunga durata, un coinvolgimento maggiore degli operatori del settore.

E forse basterebbe qualche personaggio che come Ivan Bruschi, avesse il coraggio di osare l’impensabile.

Lo diciamo, visto che siamo in campagna elettorale, alla miriade di liste civiche, civichine, di retro-appoggio, che si preparano ad affrontare le elezioni amministrative: occorrono persone che sappiano sognare se vogliamo far volare questa città.
Tutto il resto è noia.

Intanto l’Ortica vi propone qualche scatto in bianco e nero di una fiera che non c’è più, accompagnata dalle foto che il nostro fotografo, porco impenitente, ha fatto a tutti i cartelli osé della fiera sperando che non diventi un casino.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA