La Lega Pro ha deciso: le partite verranno giocate in 11 contro 11

 finalmente la Lega Pro del calcio italiano ha preso decisioni importanti e per certi versi innovative, che di certo faranno scuola. L’ortica, in anteprima, ha potuto leggere la composizione e anche le classifiche finali dei tre gironi che vedranno gareggiare ben 60 squadre. Già,  perché finalmente la Lega Pro, con uno scatto di orgoglio, ha deciso di adottare scelte e criteri che mai finora si erano visti nel panorama calcistico.

Andiamo per ordine.

Il Consiglio federale, riunito al Bagno 37 di Lido Adriano, sorseggiando Oransoda e Lemonsoda, ha deciso che oltre a comunicare i nuovi Gironi A, B e C 2016/17, sarà stilata la classifica finale della stagione calcistica. Questo per togliere ogni incertezza sulla vittoria del campionato e sulla disputa dei play off. 

Da fonti federali si esprime grande soddisfazione per questo passo in avanti che aiuterà “il mondo del calcio ad entrare definitivamente nel Terzo Millennio. Siamo certi, infatti – dicono sempre fonti della Lega – che così diminuirà la violenza negli stadi  i tifosi non dovranno più picchiarsi, dato il risultato già scritto. Anche gli arbitri faranno meno errori, sempre per lo stesso motivo, così come i giocatori faranno meno falli, avendo già un copione scritto da recitare senza troppi affanni.”

Ma la svolta è stata più che altro dettata da una componente particolare: i soldi. “Per tutelare gli investimenti milionari di alcune squadre, si è deciso già oggi chi vincerà i gironi. Basta quindi con agonismo e incertezza, che avrebbero creato non pochi problemi a chi ha deciso di investire molti danari nel calcio.” Riportiamo quindi le prime posizioni già decise in ogni girone (le ultime tanto non interessano a nessuno, dato che retrocedono più da tempo immemore, a causa dei molti fallimenti, vengono sempre ripescate).

GIRONE A: Alessandria promossa in serie B. Dopo le proteste dei girone B (vedi sotto), la promozione è annullata, quindi alla prima in campionato verrà regalato un ingresso omaggio al Carnevale di Venezia. L’Arezzo inserita in questo girone arriverà quarta, ben figurando ai play off, ma uscendo di scena contro la Pro Piacenza, più simpatica alla Lega Pro per l’assonanza con il nome.

GIRONE B: Parma promossa in serie B. Venezia e Reggiana, dopo molte proteste dei loro Presidenti americani (…estratto dai verbali del Consiglio “Noi ci abbiamo messo i dollaroni, hey man, non facciamo scherzetti”), vengono anche loro promosse in B.

GIRONE C: Nessuna promozione (vedi sopra).

Infine, punzecchiati sulla regolarità di “questo” tipo di campionato, dalla Lega sono stati categorici: “La regolarità del campionato è salva. Infatti tutte le partite inizieranno regolarmente all’orario stabilito, verranno giocate in 11 contro 11 e ci sarà pure una terna arbitrale. Confermiamo inoltre (e su questo c’è stato uno sbilanciamento fortissimo) che ci sarà anche un pallone. Non capiamo, quindi, il motivo di tanta apprensione”.

Ai tifosi amaranto non resta quindi che attendere l’inizio di un campionato così innovativo, nella speranza che la proprio squadra si comporti male e decida di far saltare il banco, superando la posizione a lei assegnata.    

 

Luca Salvadori
Aretino di nascita e imolese per amore, divide la sua fede in parti uguali tra: Italia (qualsiasi sport), Arezzo calcio, U.S. Sampdoria, Chiesa Cattolica, Quartiere di Porta Sant'Andrea, Cesa in Valdichiana, Bassolà (quartiere degli Oci senza frontiere). Il tutto con grande equilibrio e faziosità.

LASCIA UNA RISPOSTA