I pini abbattuti

Scempio al Centro Affari di Arezzo, hanno abbattuto una ventina di pini sanissimi senza un motivo valido, vergogna.
P. M.

 

 

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

5 COMMENTI

  1. Sono i pini del ” Parchino di via Morgagni”!
    Non hanno comunicato niente a residenti?
    A chi davano noia?
    Ci sono problemi legati alla CO2, nelle città si studia per inserire il bosco verticale e le cinture verdi lungo le tangenziali e qui si conpie uno scempio così, nel silenzio totale.
    E’ la prova tangibile che alcune amministrazioni sono completamente fuori
    dai problemi globali.

  2. C’è chi ha piantato con lungimiranza ” Arezzo la città del verde” e chi adesso lo abbatte. Questa amministrazione del verde non sa che farsene, ormai è chiaro, crea troppo lavoro che loro non vogliono. In un mondo che si surriscalda il verde invece sarà la nostra salvezza. Il Ghinelli a cui non importa nulla del surriscaldamento globale, tanto riguarderà i giovani. L’unico spazio verde sospeso nel centro storico vuol farci addirittura un parcheggio, un tema appropriato di questi tempi.

  3. « Gli dà noia il sole, gli dà noia la pioggia, gli dà noia il vento, e se potessero, se comandassero in tutto e per tutto loro, non ci sarebbe nemmeno più il clima, le stagioni, il tempo, ma soltanto una cupola grigia e fuligginosa sopra la città. E perché sia così costantemente operano. »
    Luciano Bianciardi « La vita agra »

LASCIA UNA RISPOSTA