Comunque sia, forza Ghinelli !!!

Cari signori diciamocela tutta; se non era per le registrazioni date in pasto al pubblico aretino, giusto per screditare, l’opposizione cittadina non ha tante cartucce da sparare contro l’amministrazione Ghinelli.

E’ inutile girarci intorno, l’ultima consigliatura Fanfani era immobile come la Croce all’incrocio delle Forche, la città di Arezzo era decaduta in un oblio preoccupante.
Ma con la nuova giunta di centrodestra, Arezzo ha ritrovato una certa vitalità, si è riappropriata di una discreta esuberanza che ha fatto aumentare a proprio favore gli indicatori di attività, soprattutto sul turismo e sulla cultura.

Certamente tante altre cose potevano essere fatte, ma in quattro anni non è facile fare tutto quello che uno ha progettato.

In questo finale di legislatura, i soloni dell’opposizione si sono buttati come avvoltoi in una polemica sterile e ritrita, tirando fuori dal cilindro la classica questione morale, cosa che fa ridere i polli detto da loro, visto che hanno intere schiere di zii, cugini, mamme e tutto lo scibile parentale infilate in tutte le partecipate pubbliche, anche quelle più risibili.

I componenti del centrodestra aretino si sveglino e non si facciano dettare la linea politica da un centrosinistra scialbo e schizofrenico, buono solo ad abbaiare alla luna.

Si reclamino a gran voce i risultati di questi anni e si mettano l’elmetto, la campagna elettorale sarà sangue e sudore.

Ma noi lo sappiamo, le cose facili non ci sono mai piaciute !

Giuliano Bacchialoga
Giuliano Bacchialoga, di professione imprenditore agricolo, produce vino e olio e possiede allevamenti di bestiame e lumache. Felicemente sposato, ha tre figli laureati che lo aiutano nella gestione delle tenute di famiglia. Politicamente sempre schierato a destra, conservatore, con importanti sfumature libertarie. Amante del buon vivere e delle belle tradizioni, adora vivere la vita.

3 COMMENTI

  1. Sulla cultura del rocchio e dello stinco in effetti insuperabili, l’esuberanza poi è andata di pari passo con un grande casino.
    Però è vero Arezzo trasformata, il centro storico come luna-park e concentrato di ristoranti, tutto il resto morto con negozi e aziende che chiudono o vanno via, in ribasso in tutte le classifiche, niente male come risultati.
    Altro che inchieste, basterebbero i dati del raro festival per chiudere questa esperienza.
    Sveglia centrodestra che questo non è centrodestra, non è niente e io e tanti altri che ti abbiamo votato non rifaremo lo stesso errore

  2. Permettetemi di fare osservazioni all’articolo, se la giunta fanfani è stata scarsa, quella di Ghinelli e di livello inferiore. Lavori di miglioramento della città, zero, manutenzione ordinaria e pulizia sia nei parchi che nelle strade, sotto zero, alluvioni a ripetizione nel quinquennio. Buche, cartelli, semafori un disastro. Io di brillante non ho visto nulla. Le scale mobili ? Piu ferme che in movimento. Adesso si aggiunge il capitolo scandali, dopo quello precedente di lucherini e nel poco tempo della destra al governo di Arezzo è piuttosto inquitante. Ghinelli disse che Gelli era considerato cittadino onorario di Arezzo, mentre era un finanziatore del terrorismo dei nar alla stazione di bologna . Insomma dove sta la brillantezza che vede l’autore del l’articolo nella gestione Ghinelli? Nelle luminarie?

LASCIA UNA RISPOSTA