Il Karaoke dei Commercianti…

Ed ecco a voi il redivivo Carlo Salvicchi alle prese con “Donne”, brano tra i più famosi di Zucchero Fornaciari.
Si è esibito al cospetto dello staff dirigenziale della Confcommercio aretino/toscana all’interno della baita tirolese montata in piazza Grande per il periodo natalizio.

Salvicchi ha dimostrato grande talento per il canto, tanto che un produttore casualmente presente lo ha contattato per portarlo a Roma e sottoporgli un contratto discografico.
Che rinasca un’altra volta?

CONDIVIDI
PrecedenteForza Italia aretina cerca di battere un colpo, ma a vuoto
SuccessivoArezzo non è una città per incontinenti
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

1 COMMENTO

  1. Dovesse avere anche questa fortuna, speriamo però che gli restino i giorni liberi necessari per poter continuare nel ruolo di aiutante del Maestro di campo al Saracino.

LASCIA UNA RISPOSTA