Orti di guerra e tombini, Arezzo in degrado

Nel passaggio pedonale davanti alla scuola Margheritone, in via Fiorentina, qualche anno fa avevano installato, all’interno dell’asfalto delle luci led, per segnalare le strisce.

Peccato che da tempo non sono funzionanti, ormai “affondate” dai continui passaggi delle auto.

In compenso, il tombino è “a livello”, pieno di vegetazione, quasi un piccolo orto, decisamente fuori luogo, e cosa ormai comune in molti punti della città.

La vernice che sta sbiadendo e le pezze grigie sono poi la ciliegina sulla torta di una manutenzione “ad minchiam”, ormai una costante di questa amministrazione.

Torneremo agli antichi “orti di guerra” nelle aiuole, nei parchi e nei tombini ?
Vista la crisi persistente, almeno patate e pomodori non mancheranno.

Il Burattino
Giocatore incallito di verbi e parole, iconoclasta e irrispettoso, non si piega e non si spezza, specialmente quando il gioco si fa duro, egli comincia a giocare. Abituato a prendere botte si difende a colpi di mazza, poliglotta e multietnico, è forse il primo immigrato di Arezzo dalle calde terre dell'Africa.

LASCIA UNA RISPOSTA