La solita…Domenica Bestiale

Ne cantava dal 1982 Fabio Concato, circa le domeniche passate sul lago, sotto il sole e a mangiare insalata, ma forse non poteva prevedere che per gli aretini, molti dei quali veramente bestiali, in pieno Covid e con la raccomandazione di non assembrarsi, fanno esattamente l’opposto.

Con tutto il verde, che in periferia o in zone non centrali, potrebbero accogliere con le dovute distanze le persone, loro invece si ammassano come mosche tutti insieme in centro, come purtroppo accade da tempo.

In Piazza Grande, poi il pienone della folla, assurdo paradosso di quando invece in passato, era sempre vuota, nonostante gli appelli dei commercianti a frequentarla (per consumare).
Ma vista tutta questa gente,il sindaco che abita proprio sopra non si affaccia dalla finestra di casa per redarguirli lo fa solo sulle dirette fb ?
Paura di perdere i (sempre calanti) consensi ?
Mistero.

Ma dispiace dire che chi fa “massa critica” sempre troppo e troppo vicino sono adolescenti e neo maggiorenni, che affollano ciondolanti Corso Italia, bighellonando senza meta, a grupponi numerosi.
Grandi, piccini , giovani e vecchi, troppi aretini si stanno “abituando” a sottovalutare il Covid.

Speriamo solo che l’incoscienza non debba essere pianta nelle rianimazioni del San Donato.

Il Burattino
Giocatore incallito di verbi e parole, iconoclasta e irrispettoso, non si piega e non si spezza, specialmente quando il gioco si fa duro, egli comincia a giocare. Abituato a prendere botte si difende a colpi di mazza, poliglotta e multietnico, è forse il primo immigrato di Arezzo dalle calde terre dell'Africa.

6 COMMENTI

  1. la prossima domenica sarà molto peggio con la fiera antiquaria.
    alla faccia della ripresa graduale e prudente da una domenica in zona arancione a quella dopo con la fiera e gente da fuori.
    dai droni al tutto aperto in 7 giorni, il nobel alla foresta casentinese e l’ignobel a questo centro città e al comune.

  2. Sono gli ultimi fuochi della moda di una ” socialita’ ” ereditata dal secolo scorso e che per convenienze tutte le parti politiche negli anni hanno cavalcato a turno per gloriarsi o condannare l’avversario ….le Notti Romane, la Milano da bere …..passera’ e magari verra’ qualcosa di peggio.
    Resto pero’ convinto che se il Governo in questa Pandemia fosse stato di centro destra avremmo assistito invece a prove muscolari per far rispettare le “regole” , perfino con i mezzi e le cariche della Celere a disperdere le folle in fuga con gli Spritz in mano ed i piu’ irriducibili dietro barricate di tavolini a lanciare salatini e olive alle Forze dell’Ordine

    Pecunia non olet , non Covid ….etc

  3. I locali in piazza, pur essendo ancora zona arancione, avevano allestito musica da discoteca, banconi fuori che somministravano bevande (oltre le 18.00) e non certo per un asporto e consumazione a casa, dato che le persone consumavano in piazza, anche sedute ai tavolini.
    Quindi non sono solo le persone ad adottare comportamenti non conformi alle “regole” (se poi siano o meno efficaci è un altro discorso), ma anche le attività (che pur comprendo data la situazione economica).
    Situazione segnalata alla municipale. Controlli? Non ho visto nessuno arrivare.

    Una farsa.

  4. Detto tutto questo tram tram di ieri ho capito che abbiamo poco rispetto di noi stessi. Ieri ho assistito a qualche scenetta meravigliosa di gruppetti qua e la che si divertivano , qualcuno senza mascherina, ma nessuno che vigilasse e quando per caso ne passa qualcuno proseguono senza farci troppo caso. Gli unici che sonoi migliorati verso il prossimo sono proprio i controllori del territorio.

  5. Questa gigantesca operazione di spaccio di bevande prevalentemente alcoliche, destinataria una popolazione la cui età media supera forse di poco i vent’anni, ha precisi e alti patrocini. L’Antiquaria viene spostata al Prato (almeno fino a settembre?) e i gestori di tutti gli esercizi – anche bar – che insistono in quelle vie e piazze che una perspicacia del tempo che fu individuò come idonee ad accogliere la Fiera e per suo tramite compierne un deciso rilancio, possono “succhiarsi la f…”!

  6. Già pregusto il sapore e l’afrore dei fumi alcolici misti ad orina dei fine settimana assetati che da questo fine settimana torneremo a sperimentare. tutto ciò mi fa tornare in mente sapore ed odore di durian, frutto tipico di alcune zone dell’asia: ah… che bello!
    E pensare poi che la maggior parte delle persone alle quali sarà sostanzialmente concessa una maggior libertà di circolazione, sono proprio quella maggioranza che ancora il vaccino l’ha visto solo in foto. Di questo in tutta onestà non possiamo incolpare l’amministrazione locale.

LASCIA UNA RISPOSTA