Estate: latte di mandorle

A tavola cambiare si può !
Impariamo dalla tradizione siciliana e meridionale!
In estate consiglio di preparare in casa propria il latte di mandorla, molto adatto per superare il caldo e la astenia estiva.

Le mandorle sono tra gli alimenti più ricchi in proteine vegetali, ma soprattutto in acidi grassi insaturi, in particolare omega 3.
Le mandorle contengono una dose limitata di carboidrati glicemici, quindi sono indicate a chi ha il diabete mellito tipo 2.
Contengono anche una dose elevata di fibra alimentare idrosolubile, attiva nell’intestino per il controllo della glicemia dopo ogni pasto.

Sono indicate a chi soffre di pressione arteriosa elevata per il loro contenuto dei suoi minerali adatti al controllo dei valori pressori elevati.
Contengono inoltre minerali come calcio, magnesio, potassio, rame, fosforo e zinco.
Grazie alla presenza di calcio, esse sono preziose per le persone che non assumono prodotti caseari, come latte e formaggi.
Inoltre per il loro sano contenuto di omega 3, vitamina E e β-sitosterolo (fitosterolo alimentare), le mandorle sono indicate nel controllo dei trigliceridi e colesterolo.
Le mandorle contengono anche una molecola dotata di azione positiva sul DNA.
Si chiama LAETRILE.

IL LATTE di MANDORLE: salute e piacere!
Il latte di mandorle è una bevanda altamente energetica, si prepara con mandorle dolci. Ha proprietà antidepressive, antinfiammatorie, rinfrescanti e riequilibranti dell’umore. Il latte di mandorle è indicato in inverno per la sua azione protettiva sulle vie respiratorie e contro la tosse!
La ricetta per fare il latte di mandorle in casa propria:
Ingredienti
100 g di mandorle
1 litro di acqua
Dotatevi di: un frullatore, bottiglie in vetro, canovaccio pulito, scolapasta o colino, una ciotola, un imbuto, un mestolo.
Iniziamo:
1 – acquistare le mandorle con guscio o senza guscio; liberare i semi se con guscio; si può decidere di utilizzare le mandorle con la loro membrana di rivestimento oppure mandorle senza membrana marrone; le mandorle con la loro membrana marrone sono più nutrienti.
2 – prendere le mandorle con o senza la membrana marrone e porle in acqua per alcune ore
3 – prelevare ed asciugare le mandorle,spezzettarle e porle all’interno di un frullatore con aggiunta di un volume contenuto di acqua, frullare fino ad ottenere un liquido bianco
4 – preparare una ciotola ed un canovaccio pulito, mettere il liquido del frullatore sul canovaccio e filtrare il liquido bianco, aggiungendo un litro di acqua (circa) al liquido bianco ottenuto nel frullatore, si ottiene così il latte di mandorle; consumatelo oppure imbottigliate e conservate in frigorifero, per 24-48 ore, per uso durante la giornata.
La polpa del latte di mandorle che resta nel canovaccio si chiama okara, può essere utilizzata come fibra nello yoghurt ( fatto in casa, se possibile) o in altri alimenti.

CONFRONTO LATTE MANDORLE e BOVINO
Un bicchiere (100 cc) contiene:
– proteine g 1, 6
– carboidrati g 0. 4
– lipidi g 5, 2 (omega 3 soprattutto)
– fibra alimentare g 1,4
– Laetrile ed altri modulatori genici, attivi e protettivi sul DNA
– Calcio, Magnesio, Fosforo, Potassio, Zinco
– Vitamina E
– β-sitosterolo (fitosterolo alimentare)
Un bicchiere di latte di mandorle non contiene lattosio ed ha un valore nettamente superiore ad un bicchiere di latte bovino.
Inoltre il latte di mandorla contiene una dose superiore di calcio rispetto al latte bovino.

OLIO di MANDORLE
Dalle mandorle si può ottenere anche un olio dotate di azioni interessanti.
L’olio di mandorle si ottiene dalla spremitura dei semi di mandorle dolci e trova applicazione soprattutto in campo cosmetico, dove viene usato per le sue proprietà lenitive ed emollienti (protegge la cute, la ammorbidisce e la rassoda, prevenendo le smagliature).
L’olio di mandorle dolci è ricco di proteine, lipidi insaturi, sali minerali, vitamine del gruppo B.

L’olio di mandorle dolci è adatto a ogni tipo di pelle, viene utilizzato per il trattamento delle pelli secche e arrossate come quelle sensibili dei bambini.
L’azione emolliente dell’olio di mandorle dolci attenua il prurito cutaneo.
Per detergere il viso, in alternativa ai saponi che molte volte contengono sostanze alcaline che influiscono sul suo equilibrio chimico fisiologico, il consiglio è usare l’olio di mandorla dolce: toglie le impurità che si accumulano quotidianamente sulla nostra pelle, non altera l’equilibrio naturale, ed è un’ottima sostanza idratante.

Ottimo emolliente per tutto il corpo dopo il bagno o la doccia.
Per resistere al freddo dell’inverno che attacca anche le nostre labbra e mani: applicate un leggero velo di olio di mandorle dolce sulle labbra, mani e la protezione è assicurata!
Se assunto come alimento ha discrete proprietà lassative, contro la stipsi.
Buona giornata in salute!

Pierluigi Rossi
Laureato in Medicina Chirurgia è Specialista in Scienza della Alimentazione, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva. E’ stato Primario presso la ASL di Arezzo, Servizio Sanitario della Toscana, per 22 anni, Direttore della U.O. Direzione Sanitaria della stessa ASL, dove ha creato e diretto Ambulatorio di Nutrizione Clinica. Docente dal 1995 al 2009 di Scienza della Alimentazione presso la Università degli Studi di Siena. Docente (a.c.) presso la Università degli Studi di Bologna. E’ autore di un considerevole numero di ricerche scientifiche pubblicate in riviste italiane ed internazionali. Autore di libri. Ha fondato la Scuola di Alimentazione Consapevole, dirige e insegna in Master e Corsi di Nutrizione Clinica a medici, biologi, farmacisti e personale sanitario in molte città italiane e all’estero. Ha elaborato il Metodo Molecolare (Dieta Molecolare) che supera il calcolo giornaliero delle Calorie, considerato un artefatto scientifico perché il corpo umano utilizza per il suo lavoro metabolico solo energia chimica (ATP) e non certo il calore.

LASCIA UNA RISPOSTA