Mattarella ad Arezzo dopo le feste

A pochi giorni dall’attribuzione del titolo di commendatore a Romano Carletti, il signore ottantenne di Montemignaio che per mesi ha accompagnato a scuola un bambino non vedente, il Presidente della Repubblica ha deciso di conferire il titolo di “Bianco di Merda” all’autore dei volantini recanti la scritta “Negri di Merda” sparsi per strada nel quartiere di Saione ad Arezzo.

Mattarella ha così deciso di venire in visita ad Arezzo per poter consegnare gli attestati ai due aretini particolarmente meritevoli.

Romano Carletti è ormai divenuto il “nonno d’Italia” mentre XY (presto verrà identificato dalle forze di Polizia) sarà certamente ricordato come lo stronzo di Arezzo.

Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA