Ghinelli non Vinci !!!!

In poche parole: a Ghinelli e alla sua giunta di centrodestra della cultura e di Leonardo Da Vinci ‘mporta ‘na sega !!!!

L’anno prossimi ricorrono i 500 anni dalla morte del genio toscano e molti comuni toscani si stanno approntando a celebrarlo con iniziative di varia natura.

Ma il nostro amatissimo sindaco aviatore che fa ?
Se ne esce con una dichiarazione incredibile in cui, a chiosa finale afferma: “Oggettivamente, Arezzo non è particolarmente legata al genio di Vinci e Leonardo non sarà il perno dell’offerta culturale del 2019”.

In soldoni, non si dovrebbe fare nulla dedicato a Da Vinci ad Arezzo.

Quale sarebbe allora il perno culturale del 2019 ?
Ruote panoramiche tirolesi di Natale con porchetta a bordo servita da comparse vestite da soldati romani ?
Sagra del rocchio con legna da ardere ricavata dall’abbattimento di alberi del Motosega ? Installazioni di muri bianchi dipinti direttamente dalla Tanti come “istant art” ?
Ci dicano se rinunciare all’aggancio con Leonardo per portare turisti ad Arezzo è una mossa intelligente e utile, a noi pare una solenne minchiata.

Se nemmeno il molto probabile paesaggio di Castiglion Fibocchi dipinto dietro alla Gioconda dimostra che Arezzo non è legata a Leonardo, non osiamo immaginare cosa Ghinelli pensi davvero nella sua testa.

In questo modo il sindaco non vince, ma perde e fa perdere tutta una città.

 

 

 

CONDIVIDI
PrecedenteElezioni farsa per una Provincia fantasma
SuccessivoChiassai, due medaglie d’oro e una d’argento
Il Burattino
Giocatore incallito di verbi e parole, iconoclasta e irrispettoso, non si piega e non si spezza, specialmente quando il gioco si fa duro, egli comincia a giocare. Abituato a prendere botte si difende a colpi di mazza, poliglotta e multietnico, è forse il primo immigrato di Arezzo dalle calde terre dell'Africa.

LASCIA UNA RISPOSTA