Sicurezza in Giostra: testati i metal detector

Sono stati testati i metal detector che contribuiranno a rendere sempre più sicura sia Piazza Grande che il percorso del corteo storico. Per avviare i test è stato scelto uno degli eventi collaterali della manifestazione, la Lettura del Bando dell’ultima edizione di giugno, questo anche vista la ritrosia da parte di figuranti e quartieristi, che dalle apparecchiature tecnologiche sono sempre piuttosto pronti a discostarsi.

Un primo prototipo di metal detector è stato installato in Piazza San Francesco, proprio davanti alla postazione da cui l’Araldo Francesco Sebastiano Chiericoni si apprestava a leggere il testo a tutti noto. Purtroppo è sorto un problema, perché non esiste costume della Giostra del Saracino che non contenga metallo e questo ha fatto impazzire l’apparecchiatura.

Dovranno quindi essere studiati degli accorgimenti che permettano al macchinario di discernere fra le parti del costume e la testa dura come il ferro di molti figuranti. Ottimo invece il risultato del test sulla percezione dell’apparecchio e sul disturbo visivo che provocano oggetti del genere al contrasto con le vesti antiche e l’ambientazione.
Praticamente nessuno ha notato la presenza del metal detector.

Precursore in questo era stata Icastica, con stracci, cascate di libri, omini bianchi di cartapesta e svariati altri oggetti, che tutti vedevano nei giorni normali ma non nei giorni di Giostra.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA