Arezzo in caduta libera

Tanti turisti, sopratutto stranieri, stanno visitando Arezzo, visto che di solito questo è il periodo di punta per le vacanze.

E cosa li aspetta ?
Un decoro da terzo mondo, ovvio !

La cultura del bello di una città d’arte come la nostra, sembra distante dal pensiero dell’Amministrazione, a giudicare dagli scempi delle foto.

 Cartoni abbandonati, milioni di scritte sui muri, pareti scrostate, tavole di legno marcio a coprire finestrelle, erbacce sugli scalini di chiese e monumenti, bidoni sporchi e ogni schifezza annessa e connessa.

In pieno centro, come Corso Italia, via Cesalpino, via Madonna del Prato (il punto più degradato), laddove la gente passa più frequentemente nei vari giri turistici.

Un biglietto da visita pessimo, i fatti parlano, le fondazioni chiacchierano.

Siamo sempre di più in caduta libera.

Il Burattino
Giocatore incallito di verbi e parole, iconoclasta e irrispettoso, non si piega e non si spezza, specialmente quando il gioco si fa duro, egli comincia a giocare. Abituato a prendere botte si difende a colpi di mazza, poliglotta e multietnico, è forse il primo immigrato di Arezzo dalle calde terre dell'Africa.

2 COMMENTI

  1. Troppo buono !
    Consumiamo la Citta’ a vantaggio di pochi e con i vari servizi che non sono adeguati neppure al turismo basico.
    Sono oltre cinque anni che nessuno fa piu’ la manutenzione ordinaria figuriamoci i lavori …….solo asfalti e distintivi .
    Sara’ per colpa degli spacciatori africani e dei tossicodipendenti ?
    “CHE EPOCA TERRIBILE QUELLA IN CUI DEGLI IDIOTI GOVERNANO DEI CIECHI.” WILLIAM SHAKESPEARE

  2. Penso siano davvero poche le città – come Arezzo – dove i rifiuti di carta e cartone vengono fatti mettere fuori per strada a mezzogiorno.

LASCIA UNA RISPOSTA