Una risata contro l’oscurantismo

Sabato erano di nuovo in piazza ad Arezzo I NO-VAX, cioè quelli che è tutto un “gomblotto” degli scienziati legati alle case farmaceutiche.
Così, nella libertà di ognuno a manifestare il proprio pensiero, ha preso il microfono Nunzio Di Maria, cantante/bassista del gruppo La Malinconia Della Luna a Mezzogiorno

(complimenti per il nome del complesso).

Il musicista, dopo aver sentito le solite arringhe fatte di banalità ed oscurantismo ha chiesto di parlare ed in modo sintetico ha raggruppato i concetti sentiti:

QUESTO COMIZIO È UNA CAGATA PAZZESCA!

Riprendendo quanto a suo tempo detto da Fantozzi dopo la visione del film “La corazzata Potemkin”.

Certo, come ci dice lo stesso Di Maria, subito dopo tre poliziotti in borghese gli hanno chiesto i documenti, ma tutto si è svolto in modo molto tranquillo.
Chissà se gli hanno chiesto anche il green pass.

Meno tranquilli sono stati due o tre soggetti che gli sono venuti in contro con fare rabbioso (e forse a loro non è stato chiesto i documenti).

Di buon senso le parole che lo stesso Nunzio Di Maria ha scritto nel suo profilo facebook:

Le più grandi stragi mondiali sono state coltivate da chi nascondeva i morti sotto il tappeto: ridimensionare gli effetti della pandemia, sminuire o negare la miriade di morti che ne è conseguita, opporsi all’unica cura che può, lentamente, riportarci alla normalità è un gioco folle, pericoloso e sadico.

Che ognuno abbia la libertà di esprimere teorie fantascientifiche e complotti come meglio crede, ma ricordiamoci e dimostriamo a noi stessi che nelle piazze regna la vita e il buonsenso.
Ciò che salverà noi.
E loro.
Grazie.

Luciano Petrai
Di professione “curioso”, ha attraversato negli anni ’80 le speranze ecologiste collaborando attivamente con gli Amici della Terra – Italia. Ha cavalcato le delusioni politiche e sociali attraverso una buona dose di auto-ironia e di sarcasmo. Attualmente fa parte della redazione del periodico “Essere” ed esprime note e lazzi in una frequentata pagina facebook . Ed ora l’esperienza ne “L’ortica” per continuare a pungere divertendosi.

2 COMMENTI

LASCIA UNA RISPOSTA