Riceviamo e pubblichiamo “Scanzi e la De Robertis preferiscono i posti auto per disabili “

Gentile Direttore

Con la presente, a norma della Legge 416/1981, chiedo la pubblicazione della seguente rettifica all’articolo pubblicato in data odierna.

“A rettifica dell’articolo Scanzi e la De Robertis preferiscono i posti auto per disabili “si comunica che l’auto 500, parcheggiata nel posto per disabili, è regolarmente autorizzata alla sosta in detto luogo da permesso n. 18763/2018, peraltro esposto e visibile anche nella foto: tagliando blu in basso a destra del parabrezza, pertanto, non può essere imputato alla sig.ra Lucia De Robertis alcun abuso e/o violazione di legge.”

Informo che, in difetto di immediata pubblicazione della rettifica, mi vedrò costretta, mio malgrado, ad agire per la tutela dei miei diritti dinanzi all’Autorità Competente.

Allego permesso ciato nella rettifica.

Cordialmente

Lucia De Robertis

Come richiesto pubblichiamo la rettifica, anche se abbiamo sempre dato per scontato che la signora De Robertis fosse in possesso del cartellino blu per disabili.

Il problema è che ella è un personaggio pubblico, eletto dai cittadini e invece che richiedere la rettifica di legge era più opportuno che rispondesse semplicemente alla domanda degli aretini che con disappunto ci hanno segnalato il fatto: “Perché ha il permesso per disabili, lo sta usando in modo corretto, a chi è intestata l’auto, eccetera?”

Tutti l’hanno vista durante la campagna elettorale guidare la Nuova 500 per giorni e giorni senza mai a bordo qualche persona disabile.
Quando riceviamo segnalazioni dai cittadini, il  nostro compito come sempre è quello di dare voce e chiarire situazioni che appaiono imbarazzanti.
Per noi la situazione del parcheggio disabili non è ancora chiarita.
Come la pensano i cittadini?

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA