Il bello della tv è il brutto dal vivo

Spesso quello che in televisione appare bello, piacevole, perfetto, sperimentato dal vivo è una delusione, se non addirittura uno shock.
Siamo in questa casistica con la brutta e spiacevole situazione che si è creata ad Arezzo per la realizzazione di un noto format tv, “4 Ristoranti”, in cui lo chef Alessandro Borghese giudica la cucina di quattro locali in una città.

La troupe del programma oggi si è recata dal ristorante “Mariano” in via Vittorio Veneto, per i sopralluoghi in vista della realizzazione della puntata aretina.
Ebbene, personale dello staff con arroganza e maleducazione mancano di rispetto alle persone accorse di fronte al locale.

Primo, ai giornalisti accorsi per fare il loro lavoro, prendendoli a male parole e impedendo di fare il loro lavoro di cronisti seppure all’esterno, secondo ai semplici curiosi che, senza disturbare la troupe, si erano messi a guardare cosa accadeva.

Allontanandoli bruscamente e anch’essi con brutti epiteti.
L’arroganza e la maleducazione non è tollerabile, specialmente da chi per lavoro è abituato ad avere intorno a sé un pubblico e gli addetti ai lavori.
Alessandro Borghese  presente da Mariano, (anche se qualcuno dello staff ci aveva assicurato il contrario) ci piacerebbe capire che cosa potrebbe pensare, avendo come collaboratori dei personaggi del genere.

Il Burattino
Giocatore incallito di verbi e parole, iconoclasta e irrispettoso, non si piega e non si spezza, specialmente quando il gioco si fa duro, egli comincia a giocare. Abituato a prendere botte si difende a colpi di mazza, poliglotta e multietnico, è forse il primo immigrato di Arezzo dalle calde terre dell'Africa.

LASCIA UNA RISPOSTA