Cari aretini rassegnatevi, i militari li avremo al Duomo, non a Saione…

Il sindaco Ghinelli ha detto che i militari richiesti per Arezzo nell’ambito del progetto Strade Sicure verranno per presidiare luoghi di culto o di particolare interesse Storico – artistico.

Avremo militari di fronte a San Francesco, alla Pieve e al Duomo, altro che a Saione!

Dice ancora il sindaco Ghinelli che in questo modo potremo liberare altri addetti delle forze dell’ordine per incarichi diversi (immaginiamo una maggiore presenza a Saione…).

Certo, libereremo tutti quei poliziotti e carabinieri che oggi presidiano i nostri principali monumenti… ma dove, ma quando?

 

 

 

 

CONDIVIDI
PrecedenteSalvini contro i comitati Zingaretti
SuccessivoAd Arezzo una settimana di guerra pace frodi e pentimenti
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA