Un giorno si chiamava concimaia…

Durante il Compost Day, una iniziativa per rendere più simpatico l’inceneritore di San Zeno agli aretini, si spiegano le caratteristiche “dell’ammandante Amelia”.

Aisa Impianti, proprietaria dell’impianto aretino, comunica tra l’altro che:

“A disposizione del pubblico, per tutto il giorno, uno sportello Informacompost in cui un agronomo risponderà a dubbi e domande sulle qualità e caratteristiche dell’ammendante “Amelia” prodotto interamente realizzato in loco sfruttando la raccolta di organico effettuata dagli aretini. E dalla teoria alla pratica grazie alla presenza di un’area giardinaggio in cui sarà mostrato come utilizzare in pratica il compost nelle coltivazioni domestiche, spiegando le quantità e le proporzioni di prodotto da usare per invasare un geranio sul terrazzo di casa.”

Una volta Amelia si chiamava concimaia…

Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA