L’immagine di Santa Maria della Misericordia nella facciata del palazzo della Fraternita

Nel cuore della centro storico di Arezzo, sul lato ovest di piazza grande, si erge il palazzo della Fraternita, attuale sede del Tribunale.

La Fraternita di Santa Maria della Misericordia, oggi pił conosciuta come Fraternita dei Laici, dedita fin dal Duecento all’attivitą assistenziale cittadina, scelse come segno della propria Istituzione la figura di Santa Maria della Misericordia, che sotto il suo manto accoglie, e quindi protegge, tutta la popolazione.
Si intendeva pertanto alludere all’attivitą dei confratelli che, emulando la misericordia divina, praticavano la misericordia temporale.

Collocare la rappresentazione della Madonna della Misericordia nella facciata del proprio palazzo, posto nella piazza principale della cittą, significava non solo legare indissolubilmente i significati simbolici ad essa pertinenti alla Fraternita ma, allo stesso tempo, offrire l’immagine alla devozione popolare aretina.

Il rilievo, con La Mater Misericordia e i Santi Lorentino e Pergentino, ‘protomartiri aretini’, disposto tra le edicole di San Donato e del Beato Gregorio, protettori della cittą, acquista quindi un significato esplicitamente locale suscitando un forte senso di appartenenza nella popolazione.

La realizzazione di quest’opera si deve a Bernardo Rossellino, a cui nel 1433 fu affidato l’incarico di completare la facciata del palazzo. Il Rossellino riuscģ a combinare magistralmente, sia nell’apparato scultoreo che nell’impianto architettonico, le preesistenze gotiche del piano

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA