La chiesa di Santa Caterina in via Cesalpino

Salendo lungo via Cesalpino, superata la chiesa di San Pier Piccolo, troviamo sulla destra la piccola chiesa dedicata a Santa Caterina d’Alessandria, la cui sobria ed elegante facciata segnala all’osservatore attento la presenza di un raro quanto prezioso esempio di architettura settecentesca in terra aretina.

Realizzata tra il 1768 ed il 1776, su un terreno dei marchesi Albergotti contiguo al loro palazzo di via Cesalpino, la chiesa fu edificata per volere della stessa famiglia e donata all’antica Compagnia di Santa Caterina, fondata nel Trecento o primissimo Quattrocento.

Progettata dal raffinato architetto fiorentino Giovanni Fabbroni, la chiesa di Santa Caterina d’Alessandria si distingue per il compiuto accordo tra architettura esterna ed interna. Alla facciata, coranata dal frontone curvilineo e decorata con riquadrature ed ovali ad intonaco in leggero aggetto, corrisponde un interno slanciato ed armonioso a navata unica, impreziosito da eleganti stucchi che sottolineano il moderato gusto barocco che anima l’intero edificio.

Per le decorazioni a stucco gli Albergotti si rivolsero a valide maestranze settentrionali itineranti ed in particolare ai ‘milanesi’ Giuliano e Domenico Rusca, attivi anche a Firenze.

Gli abbellimenti pittorici furono commissionati al siciliano Mattia de Mare, operoso a Roma, che per l’altare maggiore realizzò un’interessante pala con Santa Caterina e San Donato alle cui spalle si apre una veduta della città di Arezzo ed in particolare della cattedrale nel suo aspetto settecentesco.

Chiusa ormai da diversi anni, la chiesa di Santa Caterina è per lo più sconosciuta ai giovani aretini che non hanno avuto occasione di visitare questo significativo e compiuto esempio di arte barocca nel cuore della città.La graziosa chiesa di Santa Caterina d’Alessandria tornò proprietà degli Albergotti già nel 1785 in seguito alla soppressione della Compagnia di Santa Caterina su decreto di Leopoldo I. La Compagnia, ricostituitasi nel 1791 ebbe di nuovo in uso la chiesa ma non la proprietà. Sciolta nuovamente la compagnia nel 1908 la chiesa fu venduta dai marchesi Albergotti ai Servi di Maria.

 

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA