Asl: scuola, come fare i tamponi per favorire la didattica in presenza

I tamponi riguardanti le scuole per ora potranno essere effettuati nei drive through allestiti dalla Asl Toscana sud est o dai medici di medicina generale e dai pediatri che aderiranno alla campagna.

Ricordiamo che il procedimento messo a punto in base alle nuove linee guida sulle quarantene scolastiche prevede che se in una classe della scuola primaria (elementari) o di quella secondaria (medie e superiori), viene individuato un caso di Covid positivo, tutti i compagni dovranno effettuare un tampone il prima possibile.

A tutti questi la scuola invierà una comunicazione e un un voucher per poter effettuare gratuitamente sia il primo tampone rapido antigenico che il secondo dopo cinque giorni dal primo.
Se si sceglie di fare i tamponi dal pediatria di famiglia o dal medico di medicina generale è necessario prima un contatto telefonico per verificare la disponibilità ad eseguire il test, nessun problema invece per chi vuole farli nei drive through.

Se il risultato del tampone è negativo viene rilasciato agli studenti l’attestato con il quale possono tornare subito a scuola e poi sottoporsi al secondo tampone dopo 5 giorni.

Quando il tampone antigenico è positivo lo studente dovrà effettuare subito un tampone molecolare e non può rientrare a scuola o fare vita sociale fino al suo esito.
Con tre o più positivi in classe la quarantena, con la richiesta di tampini molecolari, scatterà per tutti.

La sorveglianza attiva con testing si applica solo per gli studenti dai 6 ai 18 anni mentre per i bambini da 0 a 6 anni in presenza di un caso positivo è prevista per tutti gli alunni una quarantena di 10 giorni con un test da fare il primo giorno e un ulteriore test dopo 10 giorni.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA