Rivoluzione S.S. Arezzo: esonerato il direttore generale

Giovedì 3 dicembre ore 15.21 arriva l’email dell’ufficio stampa dell’Arezzo.
Poche righe con le quali la società amaranto annuncia di aver “sollevato dai loro rispettivi incarichi” Il Direttore Generale Riccardo Fabbro, il Direttore Marketing Fabiano Taliani e l’addetto all’arbitro Edoardo Fabbro. Si chiude così il cerchio dopo l’esonero di tutto lo staff tecnico, allenatore e direttore sportivo in testa, avvenuto poche settimane fa.

Abbiamo più volte indicato negli errori commessi nei mesi estivi la causa dell’attuale deficitaria posizione in classifica. Non sappiamo se la decisione odierna sia figlia anche di quella situazione ma è probabile che tutto abbia influito nella valutazione complessiva.

Di certo c’è che la società è dovuta tornare sul mercato con ingenti investimenti per cercare di porre rimedio ( e speriamo, anzi siamo convinti, che vi riuscirà) ad una classifica che porterebbe gli amaranto dritti dritti tra i dilettanti.
Non sappiamo, ripeto, quanto tutto questo possa avere influito.

Certo altro è successo nel frattempo.
In tutto questo nessuna parola da parte della proprietà, del Presidente o dell’Amministratore Delegato.
Silenti ma determinati.
Profilo basso ma decisioni forti.

Una proprietà che sin dall’inizio, dalla prima conferenza stampa, ha detto poche ma decise parole, ha subito presentato i propri obiettivi, palesato le ragioni per cui ha acquistato l’Arezzo, promesso che non sarà una meteora ma, anzi, ha intenzione di rimanere nella nostra città per molti anni.
E allora forza e andiamo avanti fiduciosi.
Errori se ne possono fare ma poi si pone rimedio e via verso una corsa complessa ma non certo impossibile per raggiungere, prima possibile, l’agognata salvezza.

Marco Rosati
Prediligo chi pone e si fa domande ed ho terrore di chi ha solo certezze. Non riesco a saziare la mia curiosità. Mi ritengo un “giovane con esperienza” ma, quando ero adolescente, consideravo coloro che oggi sarebbero miei coetanei “vecchi matusalemme”. Ho fatto studi tecnici ma sono appassionato di storia e delle materie umanistiche in genere. Insomma sono un po’ (eufemismo?) complesso.

LASCIA UNA RISPOSTA