La Piazza della Grande…imbecillità

In una Piazza Grande abbastanza frequentata dai turisti per il periodo di Ferragosto (buona parte erano aretini), la loro passeggiata stamattina è stata disturbata dall’imbecillità dei soliti dementi.

Nonostante il divieto di transito per i mezzi, due motociclisti, hanno ben pensato, come immortalati dalle foto, di scorrazzare indisturbati, fissando con sguardo ebete non si sa bene che cosa.

Forse i due intrepidi centauri volevano imitare le gesta del mitico “Agostino O’ Pazzo”, spericolato centauro napoletano che negli anni 70 beffava la polizia, sfrecciando in Gilera tra i vicoli dei Quartieri Spagnoli, poi arrestato in Piazza del Gesù Nuovo, a piedi, ironia del destino.

Di ben più modesta caratura ci paiono i due “Agostini”, in sella ad un più modesto scooter, sicuramente molto meno svegli del napoletano, che al massimo disturbano il passeggio dei turisti.

C’erano i vigili in piazza ?
Parrebbe di no, in tal caso, sarebbe d’uopo che una pattuglia un giro fisso se lo facesse da quelle parti.

Per i due imbecilli, come sempre, speriamo che prima o poi vengano pizzicati e si becchino una bella multa, qui o altrove.

Il Burattino
Giocatore incallito di verbi e parole, iconoclasta e irrispettoso, non si piega e non si spezza, specialmente quando il gioco si fa duro, egli comincia a giocare. Abituato a prendere botte si difende a colpi di mazza, poliglotta e multietnico, è forse il primo immigrato di Arezzo dalle calde terre dell'Africa.

1 COMMENTO

  1. Uno ci vive, in Piazza, l’altro ci lavora. Ambedue con poco rispetto – le foto parlano – e quindi con poca dignità. Forse, è da dire, sul cattivo esempio di qualche “auto blu”…

LASCIA UNA RISPOSTA