Pontedera Arezzo: 2-1, gli amaranto battuti nel derby a pochi minuti dal termine

La prima occasione  è per gli amaranto sotto la pioggia sul sintetico dell’Ettore Mannucci arrriva nei primi minuti con Caso, che supera Risaliti e  impegna Mazzini.
Al settimo minuto la reazione del Pontedera: Serena lancia in profondità  De Cenco, che con un sinistro mette in apprensione Pissardo.
Il terreno è scivoloso ed il pallone difficile da gestire .
Al ventesimo Cutolo si porta la palla sul mancina, si infila in area da rigore e fa partire un cross che Benassai respinge.
29.mo Mannini su punizione, lancia in area dove Serena svetta indisturbato e insacca il vantaggio.
37.mo il cross di Luciani e colpo di testa di Gori che infila Mazzini.
43.mo un fallo laterale battuto dall’Arezzo verso Pissardo, ma scivola, il pallone arriva a Semprini che calcia costringendo il portiere al fallo di mano fuori area.
Cartellino rosso ed espulsione per il portiere, esce Belloni ed entra il portiere di riserva Daga.
Finisce il primo tempo sul l’ 1-1.

Secondo tempo: amaranto in 10, con la stessa formazione.
Cutolo e Gori impegnano a più riprese il portiere granata, che riesce a cavarsela.
Gori al 61.mo prende un giallo per simulazione dopo uno scontro con Risaliti ed è rosso anche a Sereni per proteste dalla panchina.
Dall’altra parte rispondono, Mannini e Calcagni, è attento Daga che mette in angolo.
78.mo doppia sostituzione nell’Arezzo: fuori Caso e Gori, dentro Rolando e Cheddira.
87.mo arriva il gol del Pontedera con una rovesciata di De Cenco.
90.mo concessi quattro minuti di recupero.
90.mo+5  Piu si vede respingere tiro da Mazzini.

Pontedera (3-5-2): Mazzini; Benassai, Risaliti, Ropolo; Pavan, Serena, Caponi, Barba, Mannini; De Cenco, Semprini.

Arezzo (4-4-2): Pissardo; Luciani, Borghini, Baldan, Corrado; Belloni, Foglia, Tassi, Caso; Cutolo, Gori.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA