Un-due-tre e il Cionci di Arezzo

Un-Due-Tre e’ stato uno dei primi programmi televisivi di varietà trasmessi dalla RAI.

Andò in onda tra il 1954 ed il 1959, quando l’emittente televisiva di stato muoveva i primi passi, così come li muoveva anche il futuro Sindaco di Arezzo Ghinelli, che ben difficilmente avrà avuto modo di vederla.

Qualcuno, tuttavia, deve avergli ricordato, se non il contenuto, quantomeno il titolo di quella fortunata e divertente trasmissione, dal momento che un-due-tre sono anche le candidature, a cui aspira e si è dichiarato disponibile il nostro Primo Cittadino: quella a Sindaco, quella a Presidente della Regione Toscana e – last, but not least – quella, in caso di elezioni politiche anticipate, al Parlamento.

Progetti un tantino ambiziosi e tutti di difficile realizzazione per un solo uomo e per i suoi cortigiani più o meno plaudenti e riconoscenti, tenuto conto del mutato rapporto di forze in seno alle formazioni che compongono la maggioranza di centrodestra e della concorrenza, sia interna che esterna.

Proprio queste considerazioni devono aver indotto Ghinelli a volare basso, dappoiche’, nelle ultime ore, pare orientato a chiedere la conferma della propria candidatura a Palazzo Cavallo.

Inoltre, a consigliarlo in tale direzione deve esserci stato anche lo zampino di quel qualcuno, che, oltre al titolo, gli avrà ricordato uno degli sketch più brillanti del duo Tognazzi-Vianello nella trasmissione Un-Due-Tre: ” O Cionci ! un cincischia’ tanto, se tu cincischi tu c’ inciampi, Cionci “.

Etrusco
Aretino doc, la mia grande aspirazione era quella di diventare giornalista ed invece ho fatto per più di 40 anni tutt'altra professione. In gioventù' ho scritto articoli per giornali umoristici universitari del tipo La Bombarda ed Il Pungiglione ed, in seguito, dopo la laurea, sono stato nello staff di televisioni e radio private aretine. Sono da sempre appassionato di sport, che ho praticato sia a livello semiprofessionistico, sia dilettantistico. Sono un innamorato della Giostra del Saracino, nella quale per alcuni anni ho avuto un certo ruolo. A chi mi dice che ho un brutto carattere, perché troppo polemico, rispondo come diceva il Presidente Pertini che " soltanto chi ha carattere, ha un brutto carattere ". Ho fatto tante cose in vita mia e spero che questa non sia l'ultima.=

2 COMMENTI

LASCIA UNA RISPOSTA