Enzo Scartoni aretino dell’anno per i nostri lettori!

E dopo il Cico, indicato dalla nostra redazione, arriva oggi l’aretino dell’anno votato dai lettori di l’Ortica.
Si tratta di colui col quale la cittadinanza vive il maggior numero di eventi e festività.
In sua compagnia si conclude l’anno vecchio e comincia quello nuovo; la Befana lo vede protagonista in Corso Italia durante l’annuale raccolta di fondi per il CALCIT.
Al Carnevalino di villa Severi le sue performance sono riservate ai più piccoli, ma in varie altre manifestazioni ed eventi (anche estivi) si moltiplicano le sue esibizioni…

Così, passo dopo passo, Enzo Scartoni ci accompagna durante tutto l’anno con la sua musica da One Man Show.
E’ sempre la stessa solfa e le canzoni delle sue basi sono assai datate, ma si vede che i lettori dell’Ortica gradiscono le sue esibizioni tanto da votarlo come “aretino dell’anno”.

Grande Enzo, sei tutti noi! (magari, caro maestro, se cominciassi a pensare a qualche nuova leva da tirar su non sarebbe male)…

CONDIVIDI
PrecedenteEppi niù iar
SuccessivoQuando il calcio diventa merda
Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

LASCIA UNA RISPOSTA