Ad Arezzo è arrivato il mare

 

preparate i costumi, le creme solari e gli ombrelloni.
I bimbi tirino fuori i secchielli e le palette: ad Arezzo è arrivato il mare.

Infatti Bancaetruria, acquistata da UBI si chiama da oggi Banca Tirrenica.

Così potrà galleggiare come una zattera in mezzo al mare invece che nella fogna del Castro dove i ladri scorrazzano indisturbati.

Via ogni riferimento ad una storia etrusca che ha fatto grande la città. Meglio l’odore di pesce, basta che non sia come la mattanza dei tonni, che nella fase finale della pesca vengono intrappolati nelle reti e poi finiti in modo indecoroso.

Diceva una canzoncina per bambini:

La barchetta in mezzo al mare

deve andare assai lontan

ma per farla navigare

ci pensa il capitan.

Speriamo che i capitani non siano come quelli che l’hanno fatta arenare!

Luciano Petrai
Di professione “curioso”, ha attraversato negli anni ’80 le speranze ecologiste collaborando attivamente con gli Amici della Terra – Italia. Ha cavalcato le delusioni politiche e sociali attraverso una buona dose di auto-ironia e di sarcasmo. Attualmente fa parte della redazione del periodico “Essere” ed esprime note e lazzi in una frequentata pagina facebook ( che usa soprattutto per cuccare). Ed ora l’esperienza ne “L’ortica” per continuare a pungere divertendosi.

LASCIA UNA RISPOSTA