La droga arrivava a domicilio, arrestato giovane marocchino

Nell’ambito di specifici servizi finalizzati al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, nella giornata del 5 agosto gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Arezzo hanno tratto in arresto, nella flagranza del reato di spaccio di sostanze stupefacenti del tipo cocaina ed eroina, un cittadino di origine marocchina di ventisette anni, già noto alle forze di polizia.

L’attività d’indagine, protrattasi per diversi giorni tramite servizi di appostamento ed osservazione, ha permesso di accertare plurime cessioni di sostanza stupefacente nel territorio di Arezzo da parte del marocchino; tali cessioni avvenivano tramite consegna a domicilio o a seguito di appuntamenti concordati preventivamente con gli acquirenti, soprattutto nella zona periferica della città.

Nella giornata del 5 agosto gli operatori quindi, a seguito dell’ennesima cessione, sottoponevano a controllo il cittadino marocchino e procedevano ad eseguire una perquisizione a suo carico; l’atto di polizia giudiziaria, esteso anche al motociclo con il quale il soggetto si aggirava nelle vie della città aretina, dava modo di rinvenire e sequestrare dosi confezionate di eroina e cocaina, con l’evidente destinazione di spaccio, per un totale di 20 grammi, nonché 6650 euro, probabile provento delle quotidiane cessioni poste in essere.

Gli ulteriori accertamenti esperiti davano modo di verificare come il soggetto straniero, senza fissa dimora sul territorio nazionale, con ogni probabilità traeva il proprio sostentamento dall’attività illecita posta in essere, in considerazione della circostanza che risultava privo di qualsiasi occupazione lavorativa.

Da qui l’arresto il flagranza operato dal personale della Squadra Mobile, giunto al culmine di un’attività di costante monitoraggio della fenomenologia in esame, in un’ottica marcatamente repressiva di questa fattispecie di reato.

Dopo gli adempimenti di rito, il soggetto, che vanta numerosi precedenti specifici, veniva associato alla Casa Circondariale di Sollicciano, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 

 

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA