Malati oncologici: chi corrisponde alle indicazioni ministeriali sarà vaccinato con gli ultrafragili

Gli altri nel contesto delle fasce di età.
048: è il codice di esenzione che garantisce il diritto a ricevere gratuitamente, presso le strutture pubbliche o private convenzionate accreditate, tutte le prestazioni sanitarie connesse alle malattie oncologiche.
Purtroppo non garantisce, in modo altrettanto automatico e universale, l’inserimento nella categoria delle persone ad elevata fragilità che sono le attuali priorità della campagna vaccinale.

In queste ore gli operatori di oncologia stanno contattando, uno a uno, tutti i cittadini con il codice di esenzione 048 che hanno dato la pre adesione al vaccino, comunicando se potranno farlo nel contesto degli ultrafragili oppure in quello per classi di età.
A decidere quale delle due opzioni, non sono ovviamente i sanitari ma la tabella ministeriale che, per accedere al contesto degli ultrafragili, indica espressamente pazienti con patologia tumorale maligna non in remissione o in trattamento chemioterapico attuale e terminato da meno di 6 mesi.

Il codice di esenzione 048 si rinnova ogni 5 anni e quindi può essere che sia ancora attribuito a pazienti clinicamente guariti.
Quest’ultimi dovranno fare la prenotazione per il vaccino nelle categorie contraddistinte per classi di età e ricordiamo che attualmente la prenotazione è aperta quella per chi ha tra 70 e 79 anni.

Tutti coloro che hanno dato la preadesione al vaccino sulla base del codice 048 saranno comunque chiamati da oncologia per il chiarimento sulla loro situazione in merito al vaccino.

 

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA