Il paracadute del Rapo vince su quello di Salvini (video)

Terrorizzato dal prof. Francesco Maria Rossi la Lega dà forfait

Sgradevole sorpresa per il segretario della Lega Matteo Salvini, che in piena campagna elettorale aveva annunciato di volersi lanciare col paracadute all’aeroporto Molin Bianco di Arezzo.

Quando ha saputo che il candidato del Partito del Rapo prof. Francesco Maria Rossi si era appena lanciato con grande successo – insieme ai due vicepresidenti Santi Cherubini e Alessandro Lisi – il buon Matteo ha perso il proverbiale buon umore, dando prima la colpa a Maria Elena Boschi e poi al meteo.

Video

 

 

 

 

Quindi ha rinunciato al confronto, verde dall’invidia.

Il prof. Rossi e i due coraggiosi guardaspalle sono atterrati fra due ali di ammiratori festanti, gridando ai quattro venti lo slogan del loro movimento: “Traventa l’Etruria in Europa! Finalmente qualcuno contrario alle multinazionali senza filtro”.
Fra baci in mascherina, richieste di autografi e cori “un Rapo è per sempre”, la straordinaria performance del candidato FMRossi è stata commentata in diretta da Alex Revelli e Susanna Cutini.

Prossima impresa del prof. Rossi quella di attraversare il Castro in sotterranea invernale dal ponte della Parata sino all’Hotel Minerva: un gesto coraggioso che cerca di emulare e celebrare quello del politico più famoso della città di Arezzo, ovvero il dr. Pier Luigi Rossi.
Chi vivrà vedrà.

Ufficio Stampa del Rapo – Rigutino, Valdichiana, Mondo.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA