la giunta Ghinelli contro i cittadini: chi vincerà?

Tutto è cominciato con la mensa unica di Lucia Tanti, l’assessore più influente della giunta aretina.
I cittadini non accettano che il comune unifichi le mense per risparmiare?
E lei fa finta di accettare il confronto, ma non molla di una virgola…

Si è proseguito con l’offensiva di Ghinelli contro Arezzo Fiere e il suo Presidente Boldi. Arezzo Fiere ha forse trovatao una strada per la salvezza cedendo il bastone del comando a IEG?
A Ghinelli non sta bene e cerca appoggi per detronizzare il nemico e far saltare l’accordo con IEG.
Sarà nell’interesse degli aretini far chiudere Arezzo Fiere?

Poi è arrivata la stretta sui varchi di uscita dal centro storico videosorvegliati, così da togliere ai residenti e commercianti la libertà di utilizzarli negli orari a loro più congeniali.

Infine è arrivato il mancato intervento dell’apparato comunale in occasione della gelata di un paio di notti fa, quando una leggera nevicata serale e le strade bagnate non potevano non annunciare una mattinata di gelo difficile da gestire per automobilisti che col gelo di solito hanno poco a che fare.
Si è trattato di un vero errore madornale che il vice sindaco Gamurrini ha cercato (senza successo) di scaricare sulla Regione Toscana.

Cosa ci dobbiamo aspettare ora?

Pare quasi che il Sindaco Ghinelli non si voglia candidare per una secondo mandato a Palazzo Cavallo…

 

Pietro Aretino
« Qui giace l'Aretin, poeta Tosco, che d'ognun disse mal, fuorché di Cristo, scusandosi col dir: "Non lo conosco"! » (Ironica epigrafe indirizzata all'Aretino da Paolo Giovio[1]) È conosciuto principalmente per alcuni suoi scritti dal contenuto considerato quanto mai licenzioso (almeno per l'epoca), fra cui i conosciutissimi Sonetti lussuriosi. Scrisse anche i Dubbi amorosi e opere di contenuto religioso, tese a farlo apprezzare nell'ambiente cardinalizio che a lungo frequentò.

1 COMMENTO

LASCIA UNA RISPOSTA