Ordine e sicurezza pubblica: sfilza di denunce e contravvenzioni

Nel corso della serata del 21 settembre, la Compagnia Carabinieri di Arezzo ha svolto un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato al contrasto alla microcriminalità in genere, alla prevenzione dei reati predatori e di quelli connessi al contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso del servizio, durato per circa 5 ore ed oltre la mezzanotte, sono state denunciate complessivamente 9 persone ed un’altra segnalata amministrativamente al Servizio Tossicodipendenze della locale Prefettura, poiché trovata in possesso di alcuni grammi di hashish ritenuta per uso personale come ammesso dal soggetto.

L’esito dell’attività ha portato alla denuncia per porto abusivo di un coltello a serramanico di un sessantenne, pregiudicato, del luogo, alla denuncia di una persona, sorpresa alla guida del proprio veicolo in evidente stato di alterazione psicofisica, rifiutatasi di sottoporsi all’alcol test, alla denuncia delle ulteriori 6 persone, sorprese alla guida dei propri veicoli, in stato di ebbrezza alcolica accertata con l’ausilio di etilometro ed alla denuncia di una persona per guida sotto l’effetto di sostanze psicotrope, nella fattispecie un derivato degli oppiacei.

Nel corso del capillare controllo, che ha visto impiegate 6 pattuglie in centro ad Arezzo e nei quartieri periferici sono stati ispezionati anche 5 esercizi pubblici con esito regolare, identificate 126 persone, 85 veicoli e sono state comminate 19 contravvenzioni al codice della strada tra cui 5 per uso del cellulare alla guida e 3 per guida senza aver allacciato la cintura di sicurezza, comportamenti ritenuti gravemente pregiudizievoli per l’incolumità propria e degli altri utenti della strada.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA