Accoltellamento al Parco Pionta, individuato il responsabile

Polizia al parco del Pionta

E’ un cittadino tunisino di 31 anni l’autore dell’accoltellamento, avvenuto nel tardo pomeriggio di sabato sera all’interno del Parco Pionta, nei confronti di un cittadino del Niger.
L’uomo, a seguito di complesse e celeri attività investigative, è stato individuato dagli investigatori della Squadra Mobile della Questura di Arezzo e dovrà rispondere dei reati di lesioni personali aggravate e porto di oggetti atti ad offendere.

Nel tardo pomeriggio della giornata di sabato, infatti, è arrivata una richiesta di intervento da parte di cittadini a passeggio all’interno del Parco, i quali segnalano che nei pressi di una panchina c’è una persona straniera, accasciata, che perde  molto sangue dalla testa; immediatamente giunti sul posto, gli agenti delle Volanti verificano quanto segnalato, provvedendo all’immediato soccorso del ferito ed al suo traporto presso il vicino Ospedale San Donato.

Contestualmente venivano avviate le indagini volte ad individuare l’autore del reato ed a comprendere lo svolgimento dei fatti e il movente alla base del gesto.
Sulla scorta della descrizione fornita dalla vittima, nonché dagli ulteriori elementi acquisiti, gli agenti della Squadra Mobile individuano il colpevole, di origine tunisina, il quale, con un coltello, avrebbe colpito alle spalle il nigerino, sferrandogli un fendente nella regione posteriore del capo, provocandogli una ferita giudicata poi guaribile in giorni dieci.

Alla base del gesto  ci sarebbero motivi riconducibili a tensioni derivanti dall’attività di spaccio di sostanze stupefacenti all’interno del Parco Pionta, in relazione ai quali sono in corso ulteriori approfondimenti di indagine.

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

1 COMMENTO

  1. Ologrammi in fortezza e sangue al Pionta, questa è l’Arezzo odierna.
    Dalla fortezza a Piazza Grande e dintorni, la cura della città finisce lì, ma nemmeno visto come è ridotto il Prato.

LASCIA UNA RISPOSTA