Il contadino che coltiva mutande

Hai presente la mutanda?
Quella cosa fatta apposta
per sembrare una serranda
sulla pelle più nascosta?
C’è un paese fuori porta
dove come l’insalata
c’è qualcun che ne fa scorta
che sia dolce o sia salata.
«La mutanda, sei sicuro?»
Se lo chiedi a Re Robone
Ti dirà: «Ma sì, lo giuro!»
col suo fare da buffone.
Vuoi saperne un po’ di più?
A Palula porta gli occhi,
segui il vento e poi vai giù
fino a che un libro tocchi.
Cerca dunque un contadino,
il suo nome, certo, è Pino,
e poi poni le domande
sul suo campo di mutande.

Esiste davvero il paese di Palula?
E Re Robone? E il contadino Pino?
Ma come si fa a coltivare mutande?

Le risposte a queste domande difficili sono all’interno del libro “Il contadino che coltiva mutande”, Emme Edizioni.
Testo di Giuditta Campello.
Illustrazioni di Raffaella Bolaffio.
Consigliato ai primi lettori dai 5 anni in su.

Gianni Micheli
Gianni Micheli Giornalista, scrittore, regista, attore, musicista e collezionista di storie. Sulla carta, sul web, in teatro e a scuola, ha una particolare predilezione per la scrittura creativa, la drammaturgia dedicata all’infanzia, la multiculturalità e per il teatro civile. Dal 2012 è uno degli autori della Staffetta di Scrittura Creativa organizzata da BiMed (Biennale della Scienze e delle Arti del Mediterraneo). Nel 2020 è uscito Testone il piccione, Vertigo Edizioni. Nel 2021 con Lezioni d’amore e di chitarra, Edizioni Helicon. Ha collaborato, tra gli altri, con Stefano Massini, Ottavia Piccolo, Amanda Sandrelli, Dario Brunori, Margherita Vicario, Moni Ovadia, Marisa Fabbri. È apparso sulla Rai e La7. Parte dello staff di Officine della Cultura è responsabile dell’ufficio stampa di alcuni importanti festival nazionali. È tra i fondatori dell’Orchestra Multietnica di Arezzo. www.giannimicheli.it - www.giannimicheli.eu

LASCIA UNA RISPOSTA