Gli agenti della Polizia di Stato della Provincia di Arezzo premiati in occasione della celebrazione di San Michele Arcangelo

Oggi la Polizia di Stato ha celebrato il suo Santo Patrono, San Michele Arcangelo.

Le celebrazioni hanno avuto inizio alle 9.00, con la deposizione di una corona d’alloro, da parte del Questore Dario Sallustio e del Presidente dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato Felice Addonizio, in memoria dei Caduti della Polizia al cippo posto all’ingresso della Questura di Arezzo.

Alle 11.00 si è svolta, nel Salone d’Onore della Prefettura, una cerimonia, nel corso della quale il Prefetto di Arezzo Maddalena De Luca e il Questore di Arezzo Dario Sallustio hanno consegnato i premi e le ricompense al personale della Polizia di Stato particolarmente distintosi in importanti attività operative nell’ambito dei rispettivi Uffici.

ENCOMIO SOLENNE

  • Al Sovrintendente Capo Vittorio Pacifici

in servizio presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Arezzo.
Motivazione: “evidenziando spiccate capacità professionali e non comune determinazione operativa espletava un’attività di polizia giudiziaria che si concludeva con l’arresto in flagranza di un soggetto responsabile dei reati di danneggiamento aggravato, resistenza a pubblico ufficiale e violazione dell’art. 4 della legge n.110/75. Roma, 16 settembre 2016”. 

ENCOMIO SOLENNE

  • Vice Sovrintendente Fabio Dringoli;
  • Assistente Capo Coordinatore Gianluca Biagiotti;
  • Assistente Capo Coordinatore Marco Boldi;
  • Assistente Capo Coordinatore Giammaria Roccelli

in servizio presso la Sottosezione Polizia Stradale di Battifolle.
Motivazione:  “evidenziando spiccate capacità professionali e non comune determinazione operativa, espletavano una brillante operazione di polizia giudiziaria, che portava all’arresto in flagranza di reato, dopo un inseguimento sulla A-1, di due pluripregiudicati bosniaci responsabili in concorso con più persone rimaste ignote, di furto con “spaccata” presso una gioielleria e resistenza a pubblico ufficiale. Arezzo, 16 luglio 2017”.

E N C O M I O

  • Vice Questore Dott. Pietro Luca Penta

Dirigente della Squadra Mobile della Questura di Arezzo.
Motivazione: “evidenziando spiccate capacità professionali, si distingueva in un’attività investigativa che consentiva di deferire all’autorità giudiziaria 141 soggetti resisi responsabili di resistenza a pubblico, possesso e lancio di oggetti atti ad offendere in occasione di manifestazioni sportive. Firenze, 22 maggio 2017”.

L O D E

  • Vice Sovrintendente Gianluca Lisi;
  • Assistente Capo Coordinatore Andrea Magini;
  • Assistente Capo Coordinatore Luca Presenti;
  • Assistente Capo Simone Del Gaia

in servizio rispettivamente presso l’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Arezzo e la Sottosezione Polizia Stradale di Battifolle.
Motivazione: “evidenziando capacità professionali ed intuito investigativo, espletavano un intervento di polizia giudiziaria che consentiva di trarre in arresto due persone responsabili del furto di due autocarri e quattro mini escavatori ai danni di una ditta edile. Arezzo, 3 aprile 2017”.

L O D E

  • Vice Sovrintendente Diego Pilia;
  • Assistente Capo Coordinatore Errico Brogi;
  • Assistente Capo Stefano Olivo;
  • Assistente Capo Angelo Petri;
  • Assistente Capo Coordinatore (in quiescenza) Gianfranco Buono

in servizio presso il Posto di Polizia Ferroviaria di Terontola.

Motivazione:  “evidenziando capacità professionali, espletavano un’attività di polizia giudiziaria che si concludeva con l’arresto di due individui, responsabili di resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale, nonché di interruzione di pubblico servizio. Terontola (Ar), 27 maggio 2017”.

L O D E

  • Sovrintendente Roberto CARONI
    in servizio presso la Sottosezione Polizia Stradale di Battifolle.
    Motivazione: “evidenziando capacità professionali, espletava un’attività di polizia giudiziaria che si concludeva con l’arresto di un individuo per detenzione al fine di spaccio di sostanza stupefacente e con l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un cittadino georgiano dedito ai furti in appartamento. Autostrada A/1 Km 380 sud Comune di Lucignano (Ar), 23 aprile 2017”.

L O D E

  • Assistente Capo Coordinatore Andrea Lanini;
  • Assistente Capo Alessandro Savella;
  • Assistente Capo Davide Spaggiari
    in servizio presso la Sottosezione Polizia Stradale di Battifolle,.

Motivazione: “evidenziando capacità professionali, espletavano un’ attività di polizia giudiziaria che consentiva di trarre in arresto due persone per detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti, porto abusivo di armi ed oggetti atti ad offendere.
Arezzo, 12 aprile 2017.”

L O D E

  • Vice Sovrintendente Fabio Dringoli
    in servizio presso la Sottosezione Polizia Stradale di Battifolle.
    Motivazione: “evidenziando capacità professionali, espletava un’attività di polizia giudiziaria che si concludeva con l’arresto di un soggetto responsabile del reato di detenzione e trasporto, ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e con il sequestro di circa 100 grammi di cocaina e oltre 6 chilogrammi di hashish. Arezzo, 29 giugno 2017”.

C O M P I A C I M E N T O

  • Vice Questore Alessandro ROSSI;
  • Sostituto Commissario Vincenzo ALDI;
  • Ispettore Superiore Luca MAGNANINI

Rispettivamente Dirigente della Sezione Polizia Stradale di Arezzo, Comandante della Sottosezione Polizia Stradale di Battifolle e Responsabile della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica di Arezzo,

Motivazione: “dimostrando di possedere spiccate qualità professionali e spirito di sacrificio, coordinavano un indagine di polizia giudiziaria, che consentiva di trarre in arresto due persone resisi responsabili di furto e resistenza a P.U. Arezzo, 16 luglio 2017”.

MEDAGLIA D’ORO AL MERITO DI SERVIZIO

Conferita al personale che per venti anni, in relazione agli incarichi connessi e al ruolo di appartenenza, ha svolto il proprio servizio in modo onorevole, riportando ottime valutazioni sulla performance.

  • Ispettore Superiore Stefano BARBISINI

Responsabile del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica della Questura di Arezzo.

MEDAGLIA DI BRONZO AL MERITO DI SERVIZIO

Conferita al personale che per dieci anni, in relazione agli incarichi connessi e al ruolo di appartenenza, ha svolto il proprio servizio in modo onorevole, riportando ottime valutazioni sulla performance.

  • Sostituto Commissario Riccardo VALMICI

Vice Dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Montevarchi.

LA CROCE D’ORO PER ANZIANITA’ DI SERVIZIO

Conferita al personale che ha un’anzianità di servizio di trentacinque anni e che ha svolto l’attività onorevolmente e senza demerito.

  • Vice Questore Claudia FAMA’

Dirigente della Divisione Anticrimine della Questura di Arezzo.

LA CROCE D’ARGENTO PER ANZIANITA’ DI SERVIZIO

Conferita al personale che ha un’anzianità di servizio di trenta anni e che ha svolto l’attività onorevolmente e senza demerito.

 

  • Ispettore Superiore Riccardo VALMICI; (vedi sopra)
  • Ispettore Superiore Luca MAGNANINI; (vedi sopra)
  • Ispettore Superiore Stefano BARBISINI; (vedi sopra)
  • Vice Ispettore Luca SPADINI, in servizio presso la Squadra Mobile della Questura di Arezzo;
  • Assistente Capo Coordinatore Diego BONATESTA, in servizio presso il Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica della Questura di Arezzo.

NASTRINO DI PRIMO LIVELLO PER LUNGO IMPIEGO IN SERVIZIO DI ORDINE PUBBLICO

Conferita al personale che ha espletato servizi di ordine pubblico in via continuativa superiori ai trenta giorni, senza demerito.

  • Vice Ispettore Luca DALL’AMICO

In servizio presso la Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica di Arezzo.

 

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA