Arezzo, le notizie di oggi 3 maggio

Droga dal Valdarno ad Arezzo arrestati due albanesi con 150 grammi di cocaina
Due cittadini albanesi, H.A. 35 anni e L.A. 28 anni, sono stati tratti in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in un’operazione congiunta effettuata dagli agenti della Squadra Mobile della Questura di Arezzo e della Sezione Polizia Stradale –Sottosezione Autostradale di Battifolle.Continua a leggere

Blitz anti’ndrangheta
Un’operazione dei carabinieri alle prime luci dell’alba ha portato all’arresto di 17 persone
(7 in carcere, 10 ai domiciliari) in varie città della provincia di Catanzaro e ad Aosta, Arezzo e Cosenza.
Sono ritenute responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione di tipo mafioso, scambio elettorale politico-mafioso, corruzione, estorsione.
Raggiunto dalla misura interdittiva del divieto di contrattare con la pubblica amministrazione e di rivestire uffici direttivi delle persone giuridiche un imprenditore  50enne di origini calabresi residente nel Cortonese, che avrebbe ricoperto un ruolo importante in un’attività turistica dove veniva riciclato denaro di provenienza illecita.

La folle notte di un 47enne aretino
Iniziata in città alle 4 di mattina del 25 Aprile, quando decide di rubare la macchina al padre, una Fiat 500.
L’uomo ha già avuto in passato problemi con la legge ed è inoltre in cura presso il servizio di salute mentale.
Dal capoluogo si dirige a folle velocità presso il comune di Sansepolcro dove le telecamere della videosorveglianza comunale lo immortalano farvi accesso alle 05:15.Continua a leggere

Redazione
L’obiettivo de L’Ortica è quello di creare un luogo dove l’informazione non si confonda con i numerosi altri siti di notizie generaliste ma attraverso una satira di qualità ed una provocazione intelligente riesca a creare nel pubblico l’interesse costante a visitarla ed a partecipare anche attivamente. Ad una informazione precisa sugli avvenimenti locali si aggiunge quindi una stimolazione continua alla lettura degli articoli che diventano un passaggio quasi obbligato non solo per i soggetti, pubblici e non, che risultano protagonisti dei pezzi pubblicati ma anche per una larga fetta di pubblico che, stanca di una informazione paludata, ricerca una valida alternativa che la rappresenti in modo intelligente e dinamico.

LASCIA UNA RISPOSTA