Il seggiolino antiabbandono di sindaco e assessora

Ancor prima che venisse approvato il decreto attuativo, che rende obbligatoria l’installazione del seggiolino anti abbandono, l’Amministrazione Comunale aretina aveva pensato bene di acquistarne uno dotato di un sistema di allarme, da allocare, a scopo preventivo, sullo scranno dell’Assessora alle Politiche Sociali Tanti, dal momento che, con il suo passaggio al movimento Cambiamo di Giovanni Toti, era forte il sentore della richiesta delle sue “dimissioni” da parte dei suoi ex colleghi di Forza Italia.

E mai acquisto si è rivelato più opportuno, in quanto, di lì a poco, il segnale acustico è puntualmente risuonato forte e chiaro, solo che, essendo connesso allo smartphone del Sindaco, il beep beep è stato ignorato.

Può essere che il nostro Primo Cittadino sia stato colpito da una improvvisa ipoacusia bilaterale, oppure che abbia avuto un blackout della mente, fatto sta che la “piccola” passeggera a bordo della Giunta Comunale è rimasta al suo posto e, forse, vi rimarrà fino alla scadenza naturale della legislatura.

Con buona pace di Forza Italia, che, rinunziando a sollevare qualsiasi eccezione sulle attività culturali e turistiche svolte dalle due Fondazioni Guido d’Arezzo e Arezzo InTour, aveva confidato nell’accettazione del baratto politico da parte del Sindaco, ma anche con poca pace di quest’ultimo, per il quale l’allarme del suo seggiolino è suonato da tempo ed è il caso che, riacquistando l’udito, ne discenda e si faccia da parte.

Etrusco
Aretino doc, la mia grande aspirazione era quella di diventare giornalista ed invece ho fatto per più di 40 anni tutt'altra professione. In gioventù' ho scritto articoli per giornali umoristici universitari del tipo La Bombarda ed Il Pungiglione ed, in seguito, dopo la laurea, sono stato nello staff di televisioni e radio private aretine. Sono da sempre appassionato di sport, che ho praticato sia a livello semiprofessionistico, sia dilettantistico. Sono un innamorato della Giostra del Saracino, nella quale per alcuni anni ho avuto un certo ruolo. A chi mi dice che ho un brutto carattere, perché troppo polemico, rispondo come diceva il Presidente Pertini che " soltanto chi ha carattere, ha un brutto carattere ". Ho fatto tante cose in vita mia e spero che questa non sia l'ultima.=

LASCIA UNA RISPOSTA